Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Il concerto "Kairòs" alla Mostra di pittura

Torre del Greco: Ivana D'Addona ospite a "Riflessi inconsci" di Maria Scognamiglio


Torre del Greco: Ivana D'Addona ospite a 'Riflessi inconsci' di Maria Scognamiglio
12/05/2010, 22:05

     Il 15 maggio la personale di Maria Scognamiglio “Riflessi inconsci” chiude i battenti. Un momento di tristezza per chi ama la cultura nelle sue espressioni pittoriche e musicali. Maria, però, riesce ancora a sorprenderci offrendo in queste ultime ore alla Città un nuovo spettacolo con le note della pianista Ivana D’Addona con la quale il solo colloquiare arricchisce culturalmente e infonde un’umanità straordinaria. Sarà, infatti, Ivana D’Addona la protagonista di una serata di grande spessore musicale, dove il pentagramma si animerà per la delizia degli ospiti di Maria e le note che si imprimeranno in ognuno lasceranno, ne siamo certi, una nuova speranza per Torre del Greco: il ritorno della condivisione del sapere, la cultura delle origini, la consapevolezza di essere una comunità viva che reagisce al qualunquismo e all’immobilismo di chi per imperizia e profonda indifferenza opera in controtendenza.
    Ivana D’Addona è una pianist composer che segue il filo della musica classica prediligendo l’ascolto delle opere di Johann Sebastian Bach, di Igor Stravinskyij e di Sergei Rachmaninoff. Ma la musica per la giovane Artista non ha tempo. C’è l’infinito dietro le note e quando è al pianoforte il suo obiettivo è quello di coinvolgere il pubblico che deve concelebrare quella armonia di suoni. Alle sue emozioni devono fondersi quelle di chi ascolta le composizioni che lei stessa ha creato. Quando Ivana fa scorrere le sue mani sulla tastiera del pianoforte, oltre ad essere consapevole dei suoni che lo strumento emette, ella rende quest’ultimo una sorta di giocattolo associando alla performance musicale un vero e proprio momento ludico.
     Carla Fracci, Ennio Morricone, Arnoldo Foà e Dario Fo sono soltanto alcuni artisti che si annoverano tra le stelle dello spettacolo con le quali Ivana ha interagito con la sua musica.
   Dallo sguardo dei suoi grandi occhi neri emerge, mentre racconta se stessa, tutta la sensibilità di cui una persona può essere dotata. Ivana parla con elevata passione lasciando trasparire una profonda cultura che spazia dalla musica all’antropologia dei vari Paesi visitati per lavoro, dalla conoscenza del mondo arabo ad una straordinaria capacità d’interpretazione del mondo occidentale che si accompagna alla padronanza degli itinerari classici. Ivana, dunque, è una donna che profonde dinamismo ed entusiasmo in chi l’ascolta.
   Kairòs – il tempo dell’anima – che si contrappone al kronos – il tempo finito. Il dramma è il monologo dello scandire del tempo finito che vince su quello dello spirito.
   Kairòs  è il titolo dell’ultimo CD prodotto da Ivana che darà significato anche  all’incontro del 15 maggio. L’Artista, infatti, eseguirà alcuni brani tratti proprio da quest’ultima fatica. “… sarà un susseguirsi di emozioni dapprima melodiche, poi impetuose – promette la pianista – perché la vita non è asintotica, anzi è spesso turbolenta”.
    Ivana è molto grata a Maria Scognamiglio che ha donato a Torre del Greco, in queste settimane di apertura del suo vernissage, lo spazio necessario affinché l’Arte abbia potuto esprimere tutto il proprio ardore, tutta la forza di coesione di cui è capace.
   Torre del Greco e chi scrive, con Ivana, diciamo grazie Maria.  
 

Nella foto: Ivana D'Addona e Maria Scognamiglio

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©