Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Riscoprire le proprie radici per rafforzare l'identità

Torre del Greco. Luigi De Filippo è "L'avaro" al Teatro Corallo


Torre del Greco. Luigi De Filippo è 'L'avaro' al Teatro Corallo
15/04/2011, 07:04

L’amore fa girare il mondo. Questo nobile sentimento, spesso, da solo non è sufficiente per alimentare energie positive e vitali. Il denaro è l’altra massima aspirazione dell’uomo per assicurarsi una vita positiva, priva o quasi di problemi. Un giusto mix di denaro e amore potrebbe far toccare il cielo con un dito. Quando, però,  il vile denaro è tanto può scatenare conflitti interni e sgretolare dinamiche familiari, anche le più inossidabili. La legge del consumismo, le regole dell’apparire, la società dell’immagine rendono l’uomo schiavo dell’edonismo, del piacere e del compiacersi nel possedere i beni materiali. Moliere l’aveva capito già nel Seicento, il secolo della decadenza sociale, politica ed economica della società dell'epoca.  Lo scrittore francese attacca i vizi della sua epoca e fa una critica feroce della morale, colpevolizzando soprattutto i nobili.
Don Attanasio Mascaturo è il protagonista de L’avaro, una piece riadattata da Luigi De Filippo e ambientata nella Napoli del 1860, all’epoca dell’epopea risorgimentale. Il maestro De Filippo abilmente trasporta il tempo del passato napoletano dominato e poi riscattato, in un tempo presente, invaso da dominazioni interne e faziose e dal nichilismo che serpeggia in una società fastidiosamente superficiale. Una società che non ricorda il suo passato e che sta seppellendo il suo futuro sotto una coltre di lordura. Luigi De Filippo invita più volte il pubblico a riscoprire le proprie radici che rafforzano l’identità di una società.
La commedia è divertente, ricca di battute che pur già note, sono recitate con tale bravura da sembrare nuove, appena nate dall’intelletto.
Il pubblico ha applaudito  calorosamente Luigi  De Filippo e i  bravi attori della sua compagnia teatrale: Michele Sibilio, Luca Negroni, Roberta Misticone, Riccardo Feola, Luca Gallone, Marianna Mercurio, Marisa Carluccio, Paolo Pietrantonio, Felicia Del Prete e Guglielmo Guidi .
Lo scorso 8 aprile al Teatro Corallo in Torre del Greco è terminata la tournée della Compagnia I due della città del Sole, che è iniziata a novembre del 2010 a Pompei e che ha riscosso grande successo in tutta Italia.   
     

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©