Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

"Segno, materia e colori: ovvero Attenti al lupo!!"

Torre del Greco: Personale di Antonino Odore


Torre del Greco: Personale di Antonino Odore
08/06/2010, 20:06

Chi non ha sentito mai parlare dell’Uomo nero o dell’Orco delle fiabe oppure di Babau e del Lupo cattivo? Sono figure, tradizionalmente invocate e non ben definite, usate per spaventare i bambini.
Charles Perrault (1628-1703), a proposito del lupo cattivo, così scriveva nella nota fiaba di Cappuccetto rosso: “Non tutti i lupi son d' una specie, e ben ve n' è di astuti che, in silenzio, e dolciastri, e compiacenti, inseguon le imprudenti fin nelle case. Ahimè, son proprio questi i lupi più insidiosi e più funesti!”
Antonino Odore, allievo di Armando de Stefano, autentica personalità dell’arte napoletana,  si è ispirato al tema del Lupo nella Personale d’arte pittorica presentata nella Sala Convegni della Libreria Alfabeta di Torre del Greco.
Venti opere che saranno esposte fino al 19 giugno, definite dal maestro Vincenzo Perna, amico e collega di Accademia dell’Autore, un “Puzzle che, nell’insieme, ingloba  un discorso di continuità. Il tema trattato, infatti, continua Perna, si snoda come se fosse un racconto nell’ambito di un percorso favolistica”.
Perna si sofferma sulla caratteristica che lo accomuna ad Odore, definendola la “nostra mediterraneità”. “In essa  - dice - c’è la continuità con il passato, ci sono morfemi, segni base che ci distinguono dalla altre culture. La pittura di Odore è giocosa e ludica, segno di una rilettura dell’infanzia”.
Il poeta pediatra Giovanni D’Amiano ha curato la presentazione dell’Artista sul catalogo distribuito ai presenti. In sala ha intrattenuto gli ospiti  leggendo alcune sue  poesie evocanti i temi dell’infanzia: “Tre ochette”, “Rondini, bambini e temporale”, e alcune tratte dal suo ultimo libro “L’anguria” edito da Duemme S.a.s. di Torre del Greco. Poesie briose, divertenti che ben si associano alle opere dell’artista siciliano.
Antonino Odore, prendendo la parola, ha precisato che la sua pittura è ciclica. L’artista che è di Montalbano di Elicona (Messina), ma torrese di adozione, è un ricercatore della tecnica e del colore. Risente, come tale, dei problemi che lo circondano. “Attenti al lupo!!” rappresenta, nell’intenzione dell’Autore, la singolarità che si trova in ognuno di noi. Non è necessariamente l’emergere del lato oscuro, ma l’altra faccia di ognuno di noi che, a volte, può non coincidere con i dettami della coscienza, delle regole sociali, del credo religioso.
Le opere di Odore non sono disposte in successione numerica, in un percorso guidato. Ognuno può ricomporre la storia iniziando, per esempio, dalla tela che si intitola “La soffitta della musica”, oppure con  “Le scarpette verdi e fiori di Betta”, “Ecco … il lupo e la sua luna”, “Attenti al lupo!!” e tante altre, tutte vivacizzate da colori brillanti, solari e ricche di verdi, di rossi, di gialli, di rosa, di azzurri. Un vero e proprio libro illustrato di favole.
E’, quindi, l’evocazione dell’immaginario infantile ed è anche il luogo ideale dei giochi all’aperto. Non possono, così, mancare le aiuole, le lumache, i fiori e gli alberi: la natura che vive e rallegra i fanciulli.
I tratti sono stilizzati, appaiono nella loro apparente semplicità come disegnati da bambini.
Antonino Odore, con la sua arte, cerca di sdrammatizzare i pericoli che circondano l’infanzia. Allontana la minaccia del lupo che, sempre nell’immaginario, può essere cattivo. E’ nostra tradizione culturale: i tanti detti popolari che vedono il lupo incontrastato protagonista dello spavento come quando si dice “tempo da lupi”, “fame da lupi”, oppure si sottolinea l’aspetto pericoloso con “In bocca al lupo!”, oppure, ancora, per la temuta aggressività di questo animale si commenta di qualcuno con “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”.
Le opere di Antonino Odore ci riportano ad un immaginario fantastico e proprio la fantasia è il volano che ci permette di vivere in armonia con noi stessi e il mondo.
Carmine Paino che ha curato l’organizzazione della serata, si è dichiarato soddisfatto dell’inaugurazione della mostra pittorica e ha soggiunto che questa manifestazione segna l’inizio di un lungo percorso di cultura di qualità.
 
Nella foto: Giovanni D’Amiano, Antonino Odore e Carmine Paino.
 
 
 
 

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©