Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Dalla "Ginestra d'Oro" alle "Nuove Proposte".

Torre del Greco: Rassegna Nazionale di Pittura e Scultura al Centro d'Arte Mediterranea


Torre del Greco: Rassegna Nazionale di Pittura e Scultura al Centro d'Arte Mediterranea
08/07/2010, 09:07

Dal 30 giugno al 9 luglio ben 46 opere d’Arte si possono ammirare nel salone espositivo del “Centro d’Arte Mediterranea e casa d’aste dal 1970” in Torre del Greco.
La Rassegna Nazionale di Pittura e Scultura è una carrellata di tonalità che si accendono nei colori caldi che degradano in quelli più scuri. In un agone artistico il fruitore può fare una full immersion passando dall’astrattismo al figurativo fino all’iperrealismo.
Antonio Davide Madonna mi guida, nella Galleria fondata dal nonno Antonio e diretta dal padre Gigi, in un percorso artistico gravido di cultura europea.
Tra gli artisti che partecipano all’attuale Rassegna e che parteciparono alla mostra – concorso la “Ginestra d’oro” dal 1970 al 1991 si annoverano:
Ferdinando Ambrosino che espone un dipinto in olio su tela intitolato“Assemblea dei cortigiani”; Enzo Angiuoni partecipa con un olio su tela “Senza titolo”; Aniello Apreda alla mostra con il “Satiro” in gesso patinato; Gino Corsi con il monotipo su carta “Il seno di una vergine”; Gabriele Di Matteo è presente con un olio su tela dal titolo“La Giovannella d’Arco”; Elio Ferrara, espone un acrilico su tela dal titolo “Kamikaze”; Edoardo Iaccheo è presente con “Archeologia” olio su tela; Guglielmo Longobardo, in “Cielo rosso”, olio su tela, sono evidenti le luci intense, mediterranee, flegree; Dilvo Lotti,  è rappresentato con l’opera “Le tre età” in olio su tela; Giovanni Massimo è presente in Galleria con l’acrilico su tela “Foglie”.
Nella Galleria Madonna, inoltre, sono esposte tre opere appartenenti ai fratelli Mazzella. Elio espone l’opera “Pompei”; lo scultore Luigi  propone un bronzo intitolato “Dinamismo”. Rosario, con l’opera mista su tela “Sinopia di una cattedrale”, utilizza una pittura con forti accenti cromatici; Anna Seccia espone “Ovulo terrestre” con tecnica mista su tavola; Lucio Statti nel 1991 vinse il primo premio della mostra concorso “La Ginestra d’oro”. In galleria espone in olio su tela “Tutti al mare”; Federico Starnone ha vinto la prima edizione del concorso “La Ginestra d’oro” con “Omaggio a Soffici”; Ena Villani nella Galleria torrese è esposta l’opera con tecnica mista intitolata “Stazione”.
Parteciparono alla sezione “Giovani generazioni” 1978 – 1986 e “Nuove proposte” 1990-2006:
Lo scultore Antonio Borriello che espone in bronzo “Nudo di donna” una statua dalle forme essenziali; Giusy Costagliola in “Gold and door” tecnica mista su legno evidenzia una pittura essenziale, un tratto simbolista; Nello Cozzolino con “Amori come navi di carta” in acrilico su cartone; Luigi Gay in Galleria è esposto in olio su tela “I due cavalli bianchi”; Giovanni Garofalo in galleria con “Il sogno di Giacobbe” tecnica mista; Rosario Garofalo con “In te rinasco” acrilico su tela; l’opera di Ciro Graus con “Porta d’Oriente” tecnica mista su tela, può inquadrarsi nella corrente di matrice informale polimaterica; Nikò, ovvero Nicola Vitello espone”Fobie” tecnica mista su tavola. Un graffitismo degli anni ’80, che si richiama alla pittura di Jean-Michel Basquiat – pittore e writer statunitense; Sara Olivieri con “Metro” olio su tela è un figurativo-concettuale, una pittura metropolitana; Gaetano Pallozzi espone in olio e acrilico su tela “Sala d’attesa”, di forte realismo sociale; Raffaele Panariello espone “Donna con cappello” olio su tela, opera iperrealista; Guido Sammarchi presenta in olio su faesite (viene anche chiamata masonite è una fibra di legno pressato con aggiunta di sostanza incollanti atte a conferirle resistenza e durezza, ndr) - “Memorie: Miscellanea”, un astratto geometrico con tinte calde; Salvatore Seme “Studio di nudi” olio su tela è una figurazione che tende al raggiungimento di una sintesi astratta; Claudio Terminio in legno scolpito “Concetto metafisico”; l’acquafortista torrese Raffaella Vitello con “Contrasti” - tecnica mista - vinse la prima edizione del Memorial a Maria Borriello Madonna nel 2000; nella Galleria d’Arte, inoltre, si possono ammirare le opere degli artisti torresi che parteciparono alla Ginestra d’oro dal 1970 al 1991; Vincenzo G. Borriello insigne scultore espone in terracotta “Assunzione e Annunciazione”; Ciro Adrian Ciavolino “Apollo e Dafne” in olio su tela; Nicola Consiglio espone un acquerello su carta “Casa di campagna”; Giacomo Fiorentino “Flora vesuviana”in olio su tela; Francesco Iuliano con “I colori dell’esasperantismo” tecnica mista su tela”; Antonio Madonna olio su masonite “L’albero nero”; Filippo Romito con “Riposo” tecnica mista su tela; Carmine Sodano in acrilico su tela con l’opera “L’ira”; Antonio Solvino espone in olio su tela “Terrazzo mediterraneo”; Salvatore Flavio Raiola con “Quando Caruso cantava” olio e polimaterico.
Sono esposte, inoltre, le opere degli artisti fuori concorso:
Renato Barisani, è stato insegnante negli anni ’60 presso l’Istituto d’Arte di Torre del Greco. L’opera esposta in Galleria, in polimaterico su tela intitolato “Elemento naturale” risale al 1962. Un’opera del periodo materico che rappresenta la sabbia del litorale torrese. Esposta una litografia di Marc Chagall “Le favole di Jean de La Fontaine”. Il noto pittore bielorusso fu coinvolto nelle Avanguardie, ma rimase sempre ai margini di questi movimenti, compresi il Cubismo e il Fauvismo. Fu molto vicino alla Scuola di Parigi e ai suoi esponenti, come Amedeo Modigliani.
Alberto Chiancone, definito un poeta della pittura, appartiene all’espressionismo di respiro europeo, nasce a Porto Santo Stefano nel 1904 da genitori napoletani. Morto nel 1988 a Napoli ci lascia, in oltre 60 anni di attività, un patrimonio di opere il cui linguaggio pittorico riflette l’umanità e la signorilità che lo avevano contraddistinto anche nella sua figura di uomo. Esposta in galleria “Le sartine” olio su cartone telato.
Antonio Madonna “L’albero nero” olio su masonite.
Gigi Madonna con “Mondo biologico” in olio su tavola, Rosario Mazzella e Salvatore Flavio Raiola con le opere già ricordate.
 
Nella foto: Gigi e Davide Madonna.
 
 

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©