Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

L'epoca d'oro della canzone napoletana

Torre del Greco. Tributo a Libero Bovio al Circolo Nautico


Torre del Greco. Tributo a Libero Bovio al Circolo Nautico
23/05/2011, 09:05

Il Circolo Nautico in Torre del Greco ha presentato una serata in ricordo di Libero Bovio, lo scorso 20 maggio. Bovio (1883-1942), insieme a Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo ed E.A. Mario, è stato un artefice dell’epoca d’oro della canzone napoletana. Nel 1915 ha scritto canzoni come Tu ca nun chiagne, Reginella, Cara piccina, Chiove, ‘O Paese d’’o sole e Lacreme napulitane, queste ultime due furono composte intorno al 1925 ed erano legate al tema dell’emigrazione. Il pessimismo sentimentale di Bovio si espresse anche con due importanti canzoni d’amore, quali L’addio e Chiove. Bovio scrisse anche Reginella, che fu musicata da Nicola Valente.

Bovio fu anche autore di opere teatrali, tra cui Gente nosta, ‘O professore, ‘O macchiettista  e anche canzoni dai toni più drammatici di quelle che gli avevano data la fama, come Lacreme napulitane, Carcere, ‘E figlie, Zappatore e Guapperia.

Il 26 maggio 1942 Libero Bovio morì nella sua casa di via Duomo, nel centro storico di Napoli, una città che amò tanto da essere l’ispiratrice della sua poetica.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©