Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Tra mare e Vesuvio, NarteA in scena con “La Reggia racconta”


Tra mare e Vesuvio, NarteA in scena con “La Reggia racconta”
27/02/2013, 14:46

Nell’antica cornice del Palazzo Reale di Portici, comune alle porte di Napoli, l’Associazione Culturale NarteA presenta al pubblico “La Reggia racconta”, una visita guidata teatralizzata sui generis, in collaborazione con l’Associazione Culturale NeARTpolis. L’iniziativa andrà in scena domenica 3 marzo 2013 – l’appuntamento è fissato dalle ore 10:30, presso via Università n°100, con prenotazione obbligatoria al 339.7020849 - 334.6227785 – con il proposito di scoprire e ripercorre quest’incantevole luogo, incastonato tra le verdeggianti pendici del Vesuvio e il mare del golfo di Napoli, e la Storia dell’area vesuviana dai suoi albori nel periodo borbonico sino alla decadenza del periodo savoiardo. Attraverso una pièce teatrale, interpretata da attori professionisti, quali Irene Grasso ed Antimo Casertano, e con la guida di Gianfranco Russo, i visitatori saranno immersi in un viaggio spazio-temporale in grado di farli respirare l’atmosfera di un passato maestoso, basilare per comprenderne il valore e la bellezza. Il biglietto è di € 12,00 a persona.

Tra splendore e decadenza, l’Associazione Culturale NarteA trascinerà gli ospiti dall’alba del 1738 fino al periodo dell’unità d’Italia: la storia racconta che la Reggia di Portici fu voluta da Carlo III e dalla sua consorte Maria Amalia di Sassonia che, dopo la visita presso la villa vesuviana del duca Emanuele Maurizio di Lorena d'Elboeuf, decisero di farvi costruire una residenza che potesse ospitarli come dimora ufficiale della dinastia dei Borbone, ancor prima della costruzione della più imponente Reggia di Caserta. Questo percorso teatralizzato ha lo scopo di mostrare l’evoluzione di un sito storico partendo dalla valorizzazione del territorio, i suoi sviluppi economici, le sue caratteristiche storiche ed architettoniche che hanno svolto un ruolo fondamentale nel meridione settecentesco, fino alla sua  “decadenza” nell’unità d’Italia. L'intento, inoltre, è anche quello di mostrare le sale dell‘ala sud-est, quasi tutte recuperate, e allestite con il museo didattico sull‘ Herculanense Museum, e di raccontare dello splendido "Giardino della Regina", l'attuale Orto Botanico, annesso al parco dove il sovrano Carlo III ordinò di allestire uno zoo con molte specie di animali esotici provenienti dall’estero.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©