Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Torino, dal 5 al 10 luglio, nei luoghi centrali della città

“Traffic Free Festival”, un omaggio ai 150 anni di Unità


“Traffic Free Festival”, un omaggio ai 150 anni di Unità
28/06/2011, 12:06

Un cast tutto italiano per l’edizione 2011 del Traffic Free Festival - dal 5 al 10 luglio a Torino, in Piazza San Carlo e altri luoghi in centro città - che in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia raccoglie la sfida di rappresentare 40 anni e più di musica italiana.
La prima serata, giovedì 7 luglio, sarà all’insegna della musica d’autore con Francesco De Gregori, Cristina Donà e Le Luci della Centrale Elettrica, mentre il giorno successivo toccherà agli “scomodi” Edoardo Bennato, Teatro degli Orrori e Tre Allegri Ragazzi Morti. Sabato 9 luglio sarà il progressive con le sue evoluzioni a farla da padrone con PFM, Verdena e Stearica, mentre la serata finale sarà una sorta di “Parco Lambro 2.0” targato Cramps Records con Area, Eugenio Finardi, Claudio Rocchi e Arti e Mestieri.
La particolarità di questa edizione saranno le collaborazioni inedite e in esclusiva per il festival fra gli artisti coinvolti: così giovedì 7 luglio De Gregori duetterà con Cristina Donà e Vasco Brondi per una più che attuale Viva l’Italia, mentre venerdì 8 sarà Edoardo Bennato a incrociare gli strumenti coi Tre Allegri Ragazzi Morti in una versione speciale di Rinnegato. Altro inedito “corto circuito” saranno gli eventi raccolti sotto il nome Traffic by Night/Torino Style: sfilate di designer torinesi, da Born in Berlin a Walter Dang, e clubbing a seguire con artisti italiani affermati su scala internazionale quali Luca Baldini, Riva Starr e Tiger & Woods.
Traffic per tradizione non è solo musica: martedì 5 luglio all’Accademia Albertina delle Belle Arti verrà inaugurata la mostra dedicata a Mimmo Paladino, Andrea Pazienza, Mario Schifano, mentre mercoledì presso il Cinema Massimo - dove nei giorni seguenti si svilupperà il filone cinematografico del festival - gli Offlaga Disco Pax sonorizzeranno un film muto di ambiente risorgimentale, I Mille.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©

Correlati