Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Tragedia al Pukkelpop


Tragedia al Pukkelpop
19/08/2011, 11:08

HASSELT (Belgio) - al Pukkelpop non ne gira bene una, almeno da un paio d'anni a questa parte. Dopo il suicidio di un giovane musicista degli Ou est le swimming pool (e la morte per infarto di un addetto ai lavori) nel corso della scorsa edizione, stavolta è andata decisamente peggio: è crollata una struttura che reggeva il palco, sono morte cinque persone e molte altre sono rimaste ferite nel pomeriggio del 18 agosto.In particolare è stato lo Chateau Stage a cedere di schianto sotto la spinta di una tremenda tempesta di pioggia, che ne avrebbe provocato il cedimento. Anche l'altro palco, lo Shelter Stage - ospitato come il primo dalla cittadina belga di Hasselt - è stato danneggiato dagli alberi. La kermesse, che avrebbe dovuto proseguire fino a sabato per un totale di tre giorni di festival, è stata annullata. Dei feriti, undici risultano in gravi condizioni e purtroppo il bilancio della tragedia potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Le testimonianze parlano di una tensostruttura che sarebbe volata sparpagliando i propri sostegni metallici sul pubblico, di diversi alberi che sarebbero stati divelti e dalle immagini della tv belga è chiaro come pioggia e vento abbiano reso molto complicate le operazioni di soccorso. Il premier belga Yves Leterme sta seguendo la situazione da vicino, mentre si è precipitato sul posto il ministro dell'interno Annemie Turtelboom. 'Continua a piovere tantissimo, cadono fulmini, sono bagnato dalla testa ai piedi, la mia borsa a tracolla è completamente inzuppata - scrive nella sua testimonianza su Indie-rock.it Cristiano Gruppi - mi dirigo verso la macchina, mi sembra il luogo più asciutto da poter immaginare in questo momento. Ripasso davanti al Chateau, che non c'è più. Sembra essere letteralmente stato sgonfiato. Cerco di chiamare i miei famigliari e i miei amici per dirgli che sto bene, potrebbero preoccuparsi sentendo qualcosa al telegiornale, ma le linee sono intasate. È persino crollata la struttura sovrastante l'ingresso ai palchi principali. È in tubi di ferro, dunque ci si può infilare sotto, sperando non ceda ulteriormente

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©