Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Trend positivo di visitatori alla Certosa di Padula


Trend positivo di visitatori alla Certosa di Padula
02/08/2011, 09:08

La Certosa di San Lorenzo, a Padula, ancora una volta, tra i siti culturali più frequentati dai turisti italiani e stranieri. La Soprintendenza BAP di Salerno e Avellino, diretta da Gennaro Miccio, ha registrato da gennaio a luglio (2011) oltre 65 mila (65.000) presenze per il monumento del Vallo di Diano.

La Certosa di Padula, fondata nel 1306, riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, si estende su un’area di 51000 mq tra spazi coperti, chiostri ed aree verdi, ed è il simbolo della continua osmosi tra vita contemplativa e vita vissuta, tra ascetismo e creatività.

Il monumento è visitabile dalle 9.00 / 19.00 . Chiusura settimanale il Martedì (intera giornata). L’ingresso è gratuito per tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea, di età inferiore ai 18 anni e superiore ai 65, per disabili e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria .

L’ingresso gratuito è consentito anche a particolari categorie di studenti o insegnanti (architettura, storia dell’arte,ect.). Il biglietto, pari a 4 €, è ridotto del 50% per i giovani di età compresa tra i 18 anni e i 25 anni così come per gli insegnanti di ruolo nelle scuole statali italiane.

L’ingresso, invece, al parco della Certosa è gratuito. Come si raggiunge Padula In auto -La Certosa è situata a 104 km a sud di Salerno, vi si arriva con l’Autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, uscendo alla stazione di Padula - Buonabitacolo, distante circa 8 km.

In treno - Si raggiunge la stazione Centrale di Napoli o di Salerno e si prosegue in autobus. In autobus - Partenza da Napoli Piazzale antistante la Stazione Centrale. Partenza da Salerno (Piazza della Concordia, nei pressi della Stazione Centrale). In aereo - Scalo di Salerno/Pontecagnano e Napoli/Capodichino con collegamenti diretti con la Stazione Centrale di Salerno e Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©