Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Trentennale terremoto: seminario a Napoli


Trentennale terremoto: seminario a Napoli
19/11/2010, 11:11


NAPOLI  - In occasione del trentennale del terremoto, il 23 novembre alle 11 e 15, nella sede della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino, a Napoli, si svolgerà il primo dei seminari "23 Novembre 1980 – 23 Novembre 2010. Emergenza e ricostruzione a Napoli a trent’anni dal terremoto". L’incontro si aprirà con i saluti dei presidenti della Fondazione Valenzi, Lucia Valenzi, e dell’ACEN, Rodolfo Girardi, dell'Assessore all'Edilizia del Comune di Napoli, Pasquale Belfiore, del Vice Presidente alla Provincia di Napoli Gennaro Ferrara e dei presidi della Facoltà di Architettura, Claudio Claudi e della Facoltà di Ingegneria, Piero Salatino. Seguiranno gli interventi di protagonisti chiave di quei momenti come il Prefetto di Napoli Andrea De Martino, all'epoca al Commissariato di Governo ad Avellino, l’urbanista Vezio De Lucia, dal 1981 capo della struttura del Commissariato per la ricostruzione a Napoli, del Presidente del Banco di Napoli, Enzo Giustino, allora co-protagonista della nascita dei consorzi e dell’ex eurodeputato Franco Iacono, all’epoca assessore alla sanità alla Provincia di Napoli. Concluderà il lavori l’assessore all’Urbanistica della Regione Campania Marcello Tagliatela. Il dibattito sarà moderato dal Segretario Generale della Fondazione Valenzi Roberto Race. L’incontro sarà preceduto da un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto e di Roberto Ciuni, di recente scomparso, membro del Comitato d’Indirizzo della Fondazione, all’epoca direttore del Mattino. In questa occasione sarà annunciato un ciclo di seminari di approfondimento sul tema dal punto di vista degli aspetti giuridici, urbanistici, socio-economici. "Mio padre da Sindaco - dichiara la presidente della Fondazione Lucia Valenzi - capì subito che il Comune doveva essere il principale punto di riferimento di tutti i cittadini che avrebbero sofferto la conseguenze del terremoto, perciò furono accese tutte le luci di Palazzo S. Giacomo quella sera del 23 novembre. Da Commissario straordinario per la ricostruzione poi con una équipe di validissimi amministratori, giuristi e urbanisti diede vita ad una esperienza di buona amministrazione che ancora oggi ha qualcosa da dire".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©