Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Turismo: a masseria Ischia premio Ospitalità italiana Isnart


Turismo: a masseria Ischia premio Ospitalità italiana Isnart
25/09/2010, 11:09


ISCHIA (Na) - La masseria San Domenico di Fasano è la vincitrice assoluta della quinta edizione del premio Ospitalità italiana organizzato dall'Isnart, l'istituto nazionale di ricerche turistiche, in collaborazione con la Camera di Commercio di Napoli, Unioncamere nazionale e Unioncamere Campania. Serata di gala con le stelle nazionali dell'accoglienza e della ristorazione, selezionate nel corso dell'anno tra le strutture turistiche certificate con il marchio 'Ospitalita' italianà, realizzato dall'istituto di ricerche sul turismo presieduto da Maurizio Maddaloni. Trenta finalisti, tra alberghi da 2 a 5 stelle, agriturismi e ristoranti gourmet e regionali, hanno partecipato ieri sera alla finalissima presso il cineteatro Excelsior di Ischia, nel corso della quale un'apposita giuria di esperti ha decretato il vincitore per ogni categoria e assegnato il premio assoluto alla masseria San Domenico di Fasano. La serata ha alternato momenti di spettacolo, con le esibizioni di Lina Sastri, Sal Da Vinci, Lino D'Angiò, Tullio De Piscopo, Federica Dioni e Dajana e la sfilata delle modelle dello stilista napoletano Alessio Visone. A presentare l'evento Gino Rivieccio e Paola Mercurio. "Il premio Ospitalità italiana è un successo di tutto il sistema ricettivo italiano di qualità - afferma Maurizio Maddaloni - e la conferma arriva direttamente dalle strutture che hanno ricevuto il marchio di qualità Isnart, le quali possono vantare una percentuale di occupazione superiore alla media nazionale. Un successo però che arriva da lontano, perché le aziende turistiche, per ottenere il marchio, devono garantire ai propri ospiti precisi requisiti di ospitalità, e poi sottoporsi al giudizio dei clienti che votano la struttura attraverso l'invio di sms". Il presidente Maddaloni inoltre ha annunciato l'estensione del marchio Ospitalità italiana anche all'estero per i ristoranti italiani nel mondo: "Abbiamo già coinvolto 45 Camere di Commercio italiane all'estero e certificato locali a Londra, Singapore, Barcellona, Città del Capo, Dubai e Chicago".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©