Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Percorsi di cultura con gastronomia ebraica

Turismo Kosherizzato in Campania


.

Turismo Kosherizzato in Campania
26/02/2013, 12:42

NAPOLI - Un Brunch kosher, un momento importante di convivialità e progettualità su un tema che oggi rappresenta l'unico vero antidoto alla recessione economica: il turismo. Un turismo di qualità alla ricerca di quegli attrattori capaci di calamitare l'attenzione della comunità ebraica in quello che può essere un turismo religioso anche dal punto di vista alimentare. La tradizione culinaria ebraica che si fonde con le esigenze di tour operator di settore, questa la vera intuizione dell'Associazione italo israeliana presieduta da Marco Mansueto che a Villa Caracciolo, in collaborazione con Sire ricevimenti, ha seduto intorno ad un tavolo gli esperti del settore. Importanti le parole del governatore Stefano Caldoro che ai nostri microfoni ha plaudito ad una iniziativa capace di riqualificare un settore in cerca di espedienti. Soddisfatto per l'iniziativa il rabbino capo dell'Italia Meridionale Shalom Bhabout che si è detto entusiasta di un'idea creata su misura per garantire alla comunità ebraica un pacchetto che tenga conto delle tradizioni. Ha espresso una grossa convinzione sui benefici dell'operazione anche il presidente partenopeo della BBC Amedeo Manzo che ha assicurato la vicinanza finanziaria del suo Istituto di Credito. Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore di BMT Fabrizio Cantella che ha sottolineato l'efficacia di una filiera che tenga conto di tutti gli aspetti di un turismo consapevole. Creatività e prestigio alla base di un'operazione importante che porterà la Campania e Napoli a quei livelli di eccellenza che la crisi economica globale ha mortificato in questi anni. La nuova filiera turistica parte con una consapevolezza: essere realtà prima di essere intuizione.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©

Correlati