Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

TUTTE LE NOVITA' DEL PREMIO STREGA


TUTTE LE NOVITA' DEL PREMIO STREGA
30/03/2008, 18:03

Al via la stagione dei grandi premi letterari. Con alcune novità. Il premio Strega rivede il proprio regolamento, fissando un massimo di 12 concorrenti. La scelta dei 12, inappellabile, spetterà al Comitato direttivo.

A questo si aggiunge la novità che i libri concorrenti debbano essere pubblicati da un editore che abbia una collana di narrativa da almeno otto anni, salvo eccezioni stabilite dal Comitato. L'annuncio è firmato da Tullio De Mauro, direttore della Fondazione Bellonci e presidente del Comitato direttivo, composto attualmente da Franco Alberti, Alessandro Barbero, Valeria Della Valle, Fabiano Fabiani, Alberto Foschiuni, Antonio Paulucci e Domenico Stranone. Quanto al fatto che per la seconda e ultima votazione si parli di "un luogo che verrà scelto di volta in volta dal Comitato”, è solo perché non può essere messa in un regolamento una sede precisa. Anche quest'anno la storica Villa Giulia sarà utilizzata, ma sempre con un permesso della direzione del museo.

Già girano voci sui favoriti. Dopo che si è parlato a lungo di Antonio Scurati, visto che Bompiani (suo editore) ha vinto due anni fa con Sandro Veronesi, c'è chi indica Cristina Comencini, dato che Feltrinelli non vince dal 2005. Con questo metro, però, dovrebbe avere molte più possibilità di vittoria Ermanno Rea, visto che Rizzoli ha avuto l'ultimo premio nel 2003 con la Melania Mazzucco, senza contare che Rea arrivò secondo nel 2002, quando vinse Mondadori con la Mazzantini. E poi ci sono l’Einaudi, che si dice pensi di proporre Valeria Parrella, dopo che l’ultima sua vittoria risale al 2000 con Ernesto Ferrero, o Garzanti che sono dieci anni che non vince più, dal 1997 quando trionfò Claudio Magris.

Attorno piccole case editrici che da qualche anno si fanno avanti, puntando sul fatto che qualcosa piano piano cambi e tornino magari a contare gli autori e i libri più delle scuderie editoriali. Ci saranno così, pare, Nottetempo con un libretto di Lidia Ravera e c'é chi fa il nome di Carlo D'Amicis e un suo nuovo lavoro per Minimum Fax.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©