Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

TUTTO PRONTO PER IL PREMIO MASANIELLO


TUTTO PRONTO PER IL PREMIO MASANIELLO
16/09/2008, 13:09

Tutto pronto per il “Premio Masaniello 2008 – Napoletani Protagonisti”. Dopo le prime due edizioni, frutto della felice intuizione di Luigi Rispoli e Umberto Franzese, si rinnova anche questo anno l’appuntamento con il riconoscimento ai napoletani protagonisti.

Il comitato promotore del Premio Masaniello è in questi giorni al lavoro per definire gli ultimi dettagli organizzativi e conferire nella serata conclusiva i premi dell’edizione 2008.
«Quest’anno – spiega Luigi Rispoli, presidente del Comitato – abbiamo deciso di consegnare il premio al “Valore Civile” a Silvana Fucito, imprenditrice e Cavaliere della Repubblica, divenuta in questi anni simbolo della lotta al racket ed alla camorra.
È molto importante valorizzare chi nella nostra città ha saputo dimostrare di poter contrastare la criminalità organizzata ed il pizzo, anche a costo di mettere a rischio la propria vita. Questi per noi del Premio Masaniello sono i personaggi simbolo che la città deve prendere come esempio».
 
Silvana Fucito non sarà l’unica premiata, sono previste infatti anche le altre seguenti sezioni del Premio Masaniello 2008: Ricerca Scientifica, Lingua Napoletana, Letteratura, Teatro, Moda, Belle Arti, Critica letteraria, Giornalismo, Arti e Mestieri, Artigianato, Canzone Napoletana.
Rispoli e Franzese aggiungono: «Il Premio Masaniello nasce dall’idea di valorizzare il patrimonio culturale napoletano e mettere in luce il quartiere del Mercato, cuore storico di Napoli. Attraverso i riconoscimenti ai partenopei che si sono distinti puntiamo a segnalare gli esempi positivi utilizzandoli quale leva per riscoprire l’orgoglio di essere napoletani».
 
Come nelle due precedenti edizioni, anche la kermesse 2008, la cui serata finale si terrà sabato 27 settembre alle ore 21:00, avrà come sfondo la Piazza e la Basilica del Carmine Maggiore, che fu teatro della storica rivoluzione del pescivendolo Tommaso Aniello d’Amalfi, che nel 1647 sfidò la nobiltà spagnola che dominava in città.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©