Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

“Dirigenti Rai servi della politica. Liofredi il peggiore”

Tv: la Ventura spara a zero sull’ex “Mamma Rai”


Tv: la Ventura spara a zero sull’ex “Mamma Rai”
02/08/2011, 13:08

“Ho passato gli ultimi due anni in Rai a lottare, a difendere la gente che lavorava con me. Invece che guardare avanti, dovevo guardarmi le spalle”. Non usa mezzi termini Simona Ventura, che agguerrita più che mai dice la sua su “mamma rai”, sempre “più serva della politica”. E lo fa conversando con “Vanity Fair”, a cui rilascia una lunga intervista dopo aver lasciato la Rai per passare a Sky. In una lunga intervista al settimanale, che le dedica la copertina, parla della situazione in Rai, di Victoria Cabello che la sostituirà a “Quelli che il calcio”, ma soprattutto racconta le incomprensioni con l’ex direttore di Rai2 Massimo Liofredi, da lei etichettato come “il peggiore”.
“Negli ultimi due anni - aggiunge la Ventura - è stata perpetrata, a danno della rete, una vergognosa desertificazione culturale. Un colore politico credo che in tv lo si possa avere: ma bisogna avere anche la professionalità. Invece, piano piano, sono arrivati gli incapaci, e anche presuntuosi: servi della politica e niente più. La Rai si potrebbe fare con 9 dirigenti, invece che 54: il problema è che ci sono dirigenti capaci costretti a cercare protezioni per sopravvivere a quelli incapaci, che sono lì solo perchè protetti. Non ho dubbi sul peggiore: Massimo Liofredi”. L’ex conduttrice dell’Isola dei famosi spiega: “Liofredi non riusciva a gestirmi. Aveva capito che non gli avrei permesso di impormi personaggi indecenti, e comunque inadatti alle nostre trasmissioni”. Ora Liofredi non è più direttore della rete: è stato trasferito a Rai Ragazzi, il canale per i bambini. E pare che, per questo, farà causa alla Rai per mobbing. “La causa per mobbing avrei dovuto farla io per quello che ha fatto passare a me - ma non solo a me - in questi due anni, e per i colpi mortali che ha inferto al target di Rai2. Ha perso anche Santoro”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati