Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Ulderico Pesce torna a occuparsi di cronaca con "Asso di monnezza"


Ulderico Pesce torna a occuparsi di cronaca con 'Asso di monnezza'
04/03/2011, 11:03

Dopo il lavoro nelle fabbriche della Fiat, la storia di Passannante (l'anarchico lucano che tentò di uccidere il re Umberto I nel 1878) e la vicenda delle scorie nucleari che il governo voleva depositare a Scanzano Jonico (Matera), Ulderico Pesce torna a occuparsi di cronaca con "Asso di monnezza" - lo spettacolo sul traffico di rifiuti in Campania, e sui legami tra la camorra e le industrie italiane - che andrà in scena domani, 5 marzo, alle ore 21, nell'auditorium comunale di Sant'Arsenio (Salerno).

La rappresentazione conclude il cartellone della stagione teatrale organizzata a partire da novembre dal Comune di Sant'Arsenio con il patrocinio della Banca di Credito Cooperativo Monte Pruno di Roscigno e Laurino e la direzione artistica di Almerica Schiavo: "Il teatro di qualità - ha detto il direttore della Bcc Monte Pruno, Michele Albanese - è uno degli elementi di crescita di un territorio e della sua comunità. Il cartellone messo in piedi a S. Arsenio è di altissimo valore, e la Banca non ha mai fatto mancare il suo sostegno a questi eventi".

"Asso di Monnezza" racconta storie di uomini nati e vissuti ai bordi delle peggiori discariche abusive, che per sopravvivere sono costretti a trasportare rifiuti tossici. E' un gioco delle tre carte, con i "sacchetti" che da Napoli passano a Milano, e dalla Lombardia tornano in Campania. Pesce racconta vicende reali, passaggi di inchieste della magistratura e le intreccia con i racconti di persone costrette a subire l'inquinamento e la prepotenza delle mafie.

Il giorno successivo, 6 marzo alle ore 18, il teatro comunale ospiterà anche un incontro durante il quale il giudice Ferdinando Imposimato presenterà il suo libro “Doveva morire. Chi ha ucciso Aldo Moro“, da cui è stato tratto lo spettacolo andato in scena a gennaio a Sant'Arsenio.

Sono stati complessivamente sette gli appuntamenti inseriti nel cartellone dalla stagione "Vola a Teatro", organizzata a Sant'Arsenio dalla metà di novembre, tra cui le esibizioni di Maddalena Crippa, "Radice di 2" con Edi Angelillo e "Lo Santo Jullare Francesco" con Mario Pirovano: "I risultati sono stati più che soddisfacenti - ha detto il sindaco di Sant'Arsenio, Nicola Pica - e il pubblico ha apprezzato la qualità della programmazione affollando il teatro di Sant'Arsenio ben oltre le nostre previsioni. Questo dimostra ancora una volta che l'investimento sulla cultura non è mai un investimento sprecato".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©