Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Ultimi due giorni della terza edizione del Rendez-vous, appuntamento con il nuovo cinema francese


Ultimi due giorni della terza edizione del Rendez-vous, appuntamento con il nuovo cinema francese
19/04/2013, 15:42

Ultimi due giorni della terza edizione del Rendez-vous, appuntamento con il nuovo cinema francese festival esclusivo dedicato al nuovissimo cinema francese, che si tiene a Roma fino al 21 aprile. La giornata di domani – sabato 20 aprile – prevede la proiezione alla Casa del cinema alle ore 15:00 del documentario Journal de France, alla presenza dei registi Raymond Depardon e Claudine Nougaret. Alle ore 17:00 alla presenza della regista Carine Tardieu, proiezione di Du vents dans mes mollets. Il film sarà introdotto dalla sceneggiatrice Patrizia Pistagnesi. A seguire, alle ore 19:00, Queen of Montreuil, di Solveigh Anspagh, che sarà presente alla proiezione, racconto stralunato ambientato nel mondo meticcio e magico di Montreuil. Il film sarà introdotto da Giorgio Gosetti, direttore delle Giornate degli Autori. Alle ore 21:00, l’attesa proiezione di Holy Motors, di Leos Carax, che disegna un’opera quasi pirandelliana e molto struggente, che pone lo spettatore di fronte alla domanda sulla propria identità e sul futuro (non solo del cinema).

 

Le proiezioni di Villa Medici – Accademia di Francia a Roma prevedono invece proiezioni di cortometraggi nella Sala Michel Piccoli, organizzate dal collettivo Les VidéoPhages di Toulouse, creato per promuovere e valorizzare i cortometraggi indipendenti e d'autore francesi Alle ore 19:30, proiezione di un cortometraggio e a seguire, L’age atomique, di Héléna Klotz. Alle ore 21:00, un altro cortometraggio precede la proiezione di Augustine, di Alice Wintour.

 

Le proiezioni di domenica 21 aprile, ultimo giorno del festival, prevedono alle ore 15:00, spazio al cinema d’animazione con un racconto delicato e dal disegno luminoso con Le jour des corneilles, di Jean-Christophe Dessaint; quindi, alle ore 17:00, Télé gaucho, di Michel Leclerc, che sarà presente alla proiezione, ritratto di un collettivo militante nato negli Anni Novanta attorno a una televisione indipendente. Alle ore 19:30, proiezione dell’ultimo film di Bruno Dumont, Camille Claudel 1915, in cui il regista-filosofo scava, con sguardo rigoroso e ascetico, un solo attimo della dolente biografia dell’artista, resa magistralmente da Juliette Binoche e in chiusura di festival, l’Omaggio all’attrice-musa di Federico Fellini, Anouk Aimèe, con la proiezione della copia restaurata di Lola, film d’esordio del grande cineasta francese Jacques Demy. Prima del film, incontro con l’attrice francese, moderato da Giovanni Spagnoletti, direttore artistico del Pesaro Film Festival.

 

Iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, la manifestazione è realizzata dall’Institut français Italia, in collaborazione con l’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici, con il sostegno di UniFrance Films.  Main partner della manifestazione è BNL Gruppo BNP Paribas. La direzione artistica del festival è affidata a Vanessa Tonnini, la direzione del progetto a Massimo Saidel, responsabile dell’audiovisivo dell’Ambasciata di Francia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©