Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

UN CONTO CORRENTE PER RACCOGLIERE FONDI PER LA CHIESA NAPOLETANA


UN CONTO CORRENTE PER RACCOGLIERE FONDI PER LA CHIESA NAPOLETANA
30/06/2008, 10:06

Fondo Laboratorio giovani. E’ questo il nome del conto che sarà aperto a breve e sul quale confluiranno i fondi raccolti dalla onlus Giochi Golosi e destinati alla Chiesa napoletana. L’annuncio nel corso dell’incontro tra l’Arcivescovo di Napoli, Cardinale Crescenzio Sepe, Gianni de Bury, presidente Associazione Onlus Giochi Golosi ed Eduardo de Bury, coordinatore generale di Giochi Golosi. Questa mattina, infatti, nei saloni della Curia Arcivescovile di Napoli in Largo Donnaregina, è stato consegnato al Cardinale Crescenzio Sepe il ricavato della raccolta fondi scaturita dal progetto ‘Aiutaci ad aiutare’ e realizzata dal 6 al 9 dicembre scorso, in piazza Dante, in occasione della prima edizione di ‘Giochi Golosi’. Dalla consegna dei fondi, ne è nata poi una promessa di impegno. Edoardo de Bury ha espresso il desiderio di volere continuare l’opera già avviata, anche per la prossima edizione del progetto ‘Aiutaci ad aiutare’, che tornerà quest’anno a settembre e terminerà con la cinque giorni di piazza Dante in programma dal 4 all’8 dicembre. “La nostra associazione è vicina alla città ed ai più i bisognosi – ha spiegato – è impegnata nel sociale ed è per questo che abbiamo ideato dei progetti finalizzati a creare delle borse lavoro. Oggi doniamo al Cardinale una cifra di 15mila euro, il primo passo per la nascita del fondo destinato appunto alle borse lavoro”. Di “buon esempio” ha parlato il Cardinale Sepe auspicando che “questa iniziativa possa coinvolgere altre persone affinchè si realizzino progetti importanti per i nostri giovani”. L’auspicio del presidente ‘Giochi Golosi’ Gianni de Bury è che “il prossimo ricavato veda uno ‘zero’ in più”. Hanno partecipato all’incontro, Don Antonio Lofferdo, parroco della Chiesa Santa Maria alla Sanità, Don Gaetano Romano, vicario Episcopale, e Filippo Gomez Paloma, responsabile per il Progetto Educativo Giochi Golosi.

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©