Cultura e tempo libero / Viaggi

Commenta Stampa

Un viaggiatore italiano su due dimentica qualcosa in albergo

Podio per carica batterie, intimo e spazzolino da denti

Un viaggiatore italiano su due dimentica qualcosa in albergo
08/07/2013, 11:36

ROMA –  Non vi è mai capitato di decolllare o prendere un treno con il pensiero fisso di aver dimenticato qualcosa in albergo? Quante volte vi è successo di aver lasciato il carica batterie del cellulare in camera? Siete in ottima compagnia, secondo uno studio condotto da HRS, il 50% dei manager italiani si rivela sbadato al momento del check out.

In occasione del lancio del nuovo sito ww.hrsbusiness.it e del concorso “Riparti con HRS“, HRS, il portale degli hotel leader in Europa per i viaggi d’affari, ha stilato la classifica degli oggetti che più spesso vengono dimenticati dagli ospiti in albergo.

Secondo questa ricerca, svolta su un campione di clienti di HRS, circa la metà dei viaggiatori ha dimenticato almeno una volta qualcosa in albergo. In particolare le dimenticanze diminuiscono al crescere dell’età visto che il 55,5% di chi ha meno di 29 anni ha perso qualcosa contro il 51,8% di coloro che hanno superato i 50 anni.

Fra gli oggetti più di frequente smarriti o dimenticati in albergo ci sono gli oggetti da toletta e il vestiario. Fra i viaggiatori business l’oggetto che più spesso viene dimenticato è il carica batterie col 25% dei manager intervistati che ha dichiarato di averlo dimenticato almeno una volta in hotel. A sorpresa, infine, i documenti di identità sono relativamente al sicuro, visto che solo l’1,5% del campione ha dichiaro di averlo lasciato in albergo al momento del check out.

Scendendo nel dettaglio della classifica, al primo posto si piazza il caricabatteria del telefono cellulare, grande escluso nella valigia del ritorno a casa nel 25% dei casi, mentre al secondo c'e' l’intimo, dimenticato dal 23% dei clienti, seguito in terza posizione dallo spazzolino da denti (20%). Seguono poi libri (10%), tablet (9%), cravatte (6%), chiavi di casa (5%), scarpe (3%) e addirittura gioielli (2%).

L’idea della ricerca è nata in occasione del lancio del concorso “Riparti con HRS”. Una personale ricetta anticrisi che permetterà alla fortunata azienda vincitrice di disporre di 60 notti in albergo presso le strutture del gruppo UNA Hotels. Fino al 31 agosto 2013 basterà registrarsi e prenotare un soggiorno sul sito www.hrsbusiness.it per avere la possibilità di vincere. Fra tutti gli utenti che utilizzeranno il servizio, infatti, sarà estratto il nome del vincitore. La nuova piattaforma per le prenotazioni www.hrsbusiness.it è stata sviluppata proprio per venire incontro alle esigenze di rapidità e facilità di gestione delle prenotazioni di chi viaggia per lavoro.

Il premio, fruibile dal 1° ottobre 2013 al 30 settembre 2014, consiste in un pacchetto di 60 room nights spendibile presso le strutture della catena alberghiera UNA Hotels, distribuite nelle principali città italiane. Sarà possibile richiedere un soggiorno a settimana per un massimo di tre notti consecutive. La tipologia di stanza assegnabile è la “doppia uso singola” con la formula della “prima colazione” inclusa. L’offerta non è riservata a un solo viaggiatore. Qualora si soggiornasse in compagnia di un ospite basterà pagare un piccolo supplemento di 20 euro più iva da corrispondere al momento della check-in presso la struttura alberghiera scelta. L’azienda vincitrice potrà gestire le trasferte chiamando il centro prenotazioni di Una Hotels al numero 80066162 o scrivendo a reservations@unahotels.it.

Le dimenticanze non finiscono qui, tra le curiosità evidenziate dalla ricerca condotta da HRS si scopre che tra gli oggetti dimenticati in hotel spiccano: libretti degli assegni, carte di credito e denaro in contanti, orologi costosi, protesi dentarie e non, macchine fotografiche, ombrelli, attrezzatura da sci nei mesi invernali e costumi da bagno e occhiali da sole in estate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©