Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Gli Abitanti:"La città trasformata in una prigione"

Un villaggio inglese in rivolta contro Spielberg


Un villaggio inglese in rivolta contro Spielberg
28/09/2010, 14:09

Un pittoresco paesino britannico e' insorto contro Steven Spielberg: il regista ha scelto di girare il suo nuovo film, War Horse, a Castle Combs, nei Cotswolds. Ma le esigenze del set - dicono gli abitanti - hanno trasformato la vita del villaggio in una vera e propria prigione. All'inizio il regista di Schindler's List era stato piu' che benvenuto in paese: ma adesso i residenti sono furiosi per le restrizioni 'quasi militari' imposte da quando il 21 settembre e' scattato il primo ciak.
In effetti, il livello di sicurezza imposto, è così elevato che tutti i cittadini, prima di poter rientrare nelle proprie abitazioni, sono costretti a sostare per lunghi minuti dinanzi alle barriere innalzate alle due entrate della cittadina. Sul Daily Express, uno degli abitanti, commenta infuriato:"Sono furibondo: non posso neanche fare uscire la macchina dal garage. Il livello di sicurezza è ridicolo. Non vedo l’ora che se ne vadano". Spielberg ha poi occupato (ovviamente dentro compenso) numerose case che serviranno come set cinematografico per il film la cui uscita è prevista per l'agosto 2011. In tutto saranno utilizzate 300 comparse e 30 cavalli; con i protagonisti Emily Watson e David Thewlis che rischiano "la cacciata dal set" prima ancora di concludere il lavoro.

Fonte: Ansa

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©