Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

India: domani in strada con abiti provocanti e succinti

Una “marcia delle puttane” contro la violenza sulle donne


Una “marcia delle puttane” contro la violenza sulle donne
30/07/2011, 09:07

Un modo alquanto anomalo per dire “no” alla violenza sulle donne. Proprio nell’ambito di una campagna internazionale di protesta contro la violenza alle donne, New Delhi ospiterà domani la prima “Besharmi Morcha” (“Marcia delle puttane”), mai realizzata prima di ora in India. Le aspettative sono di un centinaio di partecipanti, alle quali, come è stato spiegato da una delle organizzatrici dell’evento, è stato chiesto di presentarsi volutamente in abiti provocanti, per denunciare la tesi prevalente secondo cui le vittime di aggressioni sessuali debbono rimproverare innanzitutto il loro stesso comportamento.
Già realizzata in varie città, fra cui Londra, Seul, Boston, e in Australia, la “Camminata” prende il nome da una frase pronunciata tempo fa, in un’aula dell’università di Toronto, da un ufficiale di polizia canadese, secondo cui “per ridurre i rischi di violenze sessuali le ragazze dovrebbero smetterla di vestirsi come zoccole”. Probabilmente, dato il delicato contesto sociale, la versione indiana dell’iniziativa sarà più casta di quelle realizzate in altre città, in cui le partecipanti hanno sfilato in abiti molto succinti.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©