Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

"Una missione d’amore in Togo"


'Una missione d’amore in Togo'
11/12/2009, 09:12


SAN GIUSEPPE VESUVIANO - È stata inaugurata oggi a San Giuseppe Vesuviano (NA) la terza edizione del Festival del Libro e della Scrittura. “Questa iniziativa rimanda all’importanza della lettura” ha commentato il commissario prefettizio Ciro Trotta. “In un mondo ormai succube della televisione, uno spazio come questa ridona al pubblico il contatto con gli autori.”
Il cartellone degli eventi si è aperto alle 18:00 con un appuntamento dedicato alla solidarietà: la presentazione del libro e del video “Una missione d’amore in Togo”, realizzato dal Comune di SGV con l'associazione Mama Africa Onlus. I due documenti raccontano la missione umanitaria compiuta dal Comune di SGV sulle rive atlantiche dell’ Africa, nel villaggio di Togoville, per la costruzione di un ospedale, inaugurato l’8 Febbraio 2009.
All’interno del tendone di Piazza Elena d’Aosta, in una zona allestita per i dibattiti tra le postazioni delle case editrici che aderiscono all’evento, è stato proiettato il docu-video sulla missione umanitaria.
“La cultura non ha barriere” ha esordito Antonio Agostino Ambrosio, sindaco di San Giuseppe Vesuviano durante la missione in Togo. “Abbiamo realizzato l’ospedale in quattro mesi; – continua – il Comune si è impegnato per operare una solidarietà concreta.” L’iniziativa, nata dall’incontro del Comune di San Giuseppe con il Presidente dell’Associazione “Mama Africa Onlus” Enzo Liguoro, prosegue attivamente ancora oggi; all’interno del tendone, durante il dibattito è stato donato il calendario dell’associazione per accogliere le offerte di beneficenza. “Ho deciso di attivarmi per la solidarietà – racconta Enzo Liguoro, trasferitosi con fissa dimora in Togo – quando nel 1983 la passione per la fotografia mi guidò in Combo. Le atrocità che ho visto in quel luogo mi hanno spinto a desiderare di aiutare le vittime dei soprusi della società. Nelle realtà dittatoriali non esistono termini di democrazia; noi cerchiamo di portare in questi luoghi la parola giustizia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©