Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Una richiesta di due milioni di risarcimento per Adriano Celentano


Una richiesta di due milioni di risarcimento per Adriano Celentano
26/04/2012, 15:04

Altri problemi e polemiche coinvolgono Adriano Celentano che, a partire dalla sua partecipazione al Festival di Sanremo, sembra dover solo attaccare e contrattaccare. Questa volta il motivo del contendere è un cartone animato, intitolato Adrian, che si ispira, per l'appunto, al Molleggiato. Il progetto, targato Sky, è in costruzione già da parecchio tempo, ma non viene mandato in onda per cause varie. Fino a qualche giorno fa, si dava per certo che fosse trasmesso il prossimo autunno.A quanto pare, però, anche questa data slitterà. La società di produzione Mondo Tv Spa ha, infatti, depositato una richiesta di risarcimento nei confronti di Adriano Celentano, come si legge dalla nota diffusa: “ a seguito della risoluzione del contratto per la produzione esecutiva della serie tv animata dal titolo Adrian stipulato con il Clan Celentano S.r.l.”. La richiesta ammonterebbe a due milioni di euro. Sembrerebbe che le continue richieste da parte del Clan Celentano di intervenire sul prodotto abbiano compromesso la realizzazione del prodotto. Claudia Mori, moglie del cantante e dirigente della società, ha risposto alla nota diramata dicendo che la causa è stata in realtà intentata dapprima dal Clan Celentano contro Mondo Tv, con un atto di citazione datato 7 febbraio 2012. L'azione legale di Mondo Tv sarebbe dunque consequenziale e sarebbe avvenuta, secondo la Mori, con il solo obbiettivo di opporsi alle 'legittime richieste'del cantante.
Il Clan, molto probabilmente, deve essersi opposto ad alcune delle scelte di Mondo Tv e la cosa deve aver creato continue tensioni. Se Mondo Tv fosse escluso dalla realizzazione del cartone, potrebbe essere lo stesso Clan Celentano ad occuparsene. Ma, almeno per ora, i fans del Molleggiato dovranno attendere prima di conoscere il suo alter ego animato.

Commenta Stampa
di Redazione J Gossip
Riproduzione riservata ©