Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Al via stasera la kermesse dell'associazione di Mianella

Un'Agorà d'arte al Parco del Poggio


Un'Agorà d'arte al Parco del Poggio
22/05/2010, 14:05

NAPOLI – Nei giorni 22 e 23 maggio, con l'ausilio della suggestiva cornice del Parco del Poggio si svolgerà il concorso di danza organizzato dall’associazione “Agorà Arte” "LA DANZA DAL BAROCCO AD OGGI" con il patrocinio morale del Comune di Napoli ed in collaborazione con l’Aics, nell’ambito del Maggio dei Monumenti.

Scuole di ballo provenienti dall’intera regione animeranno le due serate, misurandosi in in coreografie di danza classica, moderna, carattere hip hop ecc. e per ogni serata ci saranno Premi per le migliori coreografie e un premio assoluto per ogni serata.

Con la direzione artistica del maestro Antonio Salernitano, la giuria sarà composta oltre che dallo stesso maestro anche dalla Professoressa Mariella Ermini dell'accademia Nazionale di danza di Roma, il maestro Renato Di Meo attore e regista e dal giornalista Davide Gambardella.

L'intento è di dare maggiore visibilità all' Arte della Danza, favorendone la cultura e la diffusione arricchendone la crescita umana oltre che artistica di chi la pratica.

LA STORIA DELL'ASSOCIAZIONE
Fino a qualche anno fa in via Mianella c’era una vecchia scuola abbandonata. Un rudere vandalizzato e adottato come ricovero dai tossici. Adesso nello stesso edificio, completamente messo a nuovo, sorge un’accademia d’arte e spettacolo. “Agorà”, mai miglior nome fu indicato per l’unico centro d’aggregazione della zona, dove i ragazzi possono imparare a recitare, suonare, ballare o dipingere, piuttosto che restare nelle strade del rione, esposti a quei mille rischi che le mamme temono ogni giorno per i propri figli. Incastonato tra l’ex birreria Peroni, le case popolari e uno spiazzo avvolto dal degrado, il polo diretto dall’attore Renato Di Meo pullula ormai di giovanissimi fino a sera tardi, quando la periferia Nord si trasforma in terra di nessuno.

(nella foto, il maestro Renato Di Meo)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©