Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Undici minuti di applausi per la prima del "Don Giovanni"

Alla Scala di Milano passerella di vip e politici

Undici minuti di applausi per la prima del 'Don Giovanni'
08/12/2011, 09:12

“Cambia l’orchestra, ma la musica è sempre la stessa”. Anche questo si è visto alla prima del “Don Giovanni” alla Scala di Milano. Qualche piccola protesta è stata avvertita durante la tanto attesa serata e a scatenarla la presenza di parte del mondo politico. Il Presidente del Consiglio Mario Monti al fianco di Giorgio Napolitano per vedere il capolavoro mozartiano, diretto  da Barenboim. Quest’ultimo contestato da qualche fischio, dai quali si è difeso: “Ognuno ha il diritto di avere il parere che vuole, ma è inutile venire a teatro per gridare”.  Undici minuti di applausi per tutto il resto, ovvero per Peter Mattei, nei panni di Don Giovanni, per Barbara Frittoli, interprete di Donna Elvira, per  Anna Netrebko, nei panni di  Donna Anna e per Giuseppe Filianoti, ovvero Don Ottavio. Politici e vip alla passerella culturale milanese, non poteva mancare il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia: “Una prima fondamentale per la città, dobbiamo fare in modo che Milano continui ad essere la capitale della lirica”. Decine di manifestanti in piazza, qualcuno lancia un uovo contro l’auto di Mario Monti. “Il momento è difficile, ma il Paese sta reagendo molto bene, c'è una grande consapevolezza della situazione”, ha commentato il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri. Una prima andata molto bene, soprattutto se si guarda agli incassi: 2.390.000 euro è la somma risultata dalla serata, l’8% in più rispetto allo scorso anno. “Si tratta di un incasso record superiore di 117.000 euro rispetto al budget previsto. Il teatro ha registrato anche il tutto esaurito con 1944 spettatori”, ha detto il sovrintendente, Stéphane Lissner. E questo nonostante i costi alti del biglietto, nonostante la crisi che sta attraversando l’Italia.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©