Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Vela per disabili


Vela per disabili
16/06/2011, 16:06

Un pezzo di costa a disposizione dei diversamente abili. È questo l'importante risultato ottenuto dall'associazione Peepul grazie alla partnership con la Marina Militare che ha ceduto una parte della sede al Molosiglio per il benessere e lo sport in mare dei disabili. Oltre ai corsi, quindi, è all'orizzonte la ristrutturazione di una sede attrezzata ai provetti marinai che non si fermano dinanzi ad ogni tipo di disabilità, sia fisica che psichica.
È dal 2005, infatti, che l'associazione Peepul realizza con successo progetti dedicati ai corsi di vela per diversamente abili. Progetti che all'origine sembravano troppo ambiziosi ma che hanno dimostrato che la vela è uno sport che può essere praticato con successo da chiunque. Molto di questo risultato che continua ad inanellare consensi e iscritti è dovuto alla grande tenacia del presidente Ileana Esposito Lepre che giorno dopo giorno continua a combattere le ingiustizie nei confronti dei diversamente abili perpetrate in ogni contesto della vita quotidiana. Tutto iniziò con il progetto “Per mare non ci sono... barriere” fino ad arrivare all'attuale apertura dei due Dream Point del Molosiglio e di Forio d'Ischia, un percorso lungo e faticoso che ha accolto centinaia di disabili provenienti da tutta la Campania. Un'esperienza unica in Italia che di volta in volta ha dovuto contare sul sostegno economico di Comune, Provincia, Regione, Centro Servizi per il Volontariato, Ministero e Fondazioni, ma che pian piano sta prendendo il largo come si evince anche dai progetti ambiziosi di allargare lo spazio dedicato alla Vela per disabili ad altri due moli oltre a quello di Nisida. «Occorre solo un po' di amore e di pazienza e tutti possono riuscirci – queste le parole del presidente Ileana Esposito Lepre che continua – troppo spesso i disabili restano immobili su di una poltrona con lo sguardo rivolto alla Tv, assente e senza stimoli. Centinaia di persone dal 2005 sono entrate nelle Barche Dream di Nisida e da poco anche al Molosiglio, ma ogni anno questo miracolo si ripete. Il prossimo passo è allestire il nuovo Dream Point Peepul presso la Marina Militare di via Acton dove al momento si svolgono solo i corsi senza una sede decente dove sostare. È per questo che chiediamo anche la solidarietà di chi ha a cuore la vita di persone che hanno bisogno di terapie e ausili particolari attraverso un aiuto per rimettere a nuovo questa struttura vetusta e non adatta ai disabili».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©