Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Vico Equense, Don Luigi Merola presenta il suo ultimo libro


Vico Equense, Don Luigi Merola presenta il suo ultimo libro
08/08/2012, 09:12

Vico Equense – A “Libri sotto le stelle” la rassegna letteraria organizzata da Angelo Ciaravolo sulla terrazza delle Axidie, venerdì 10 agosto, alle 21.00, Don Luigi Merola presenta il suo ultimo libro “'A voce d'e creature”, edizioni Mondadori. 'A voce d' 'e creature è sfacciata, irriverente, illuminante. I bambini spesso riescono a dire quello di cui gli adulti hanno paura o pudore. Dicono che il re è nudo, e che la camorra fa schifo. 'A voce d' 'e creature è una fondazione che in una villa sequestrata ad un boss raccoglie decine di bambini provenienti dai quartieri degradati di Napoli e dintorni. A guidare questa sfida coraggiosa, don Luigi Merola, l'ex parroco di Forcella, che per il suo impegno contro la camorra è stato minacciato di morte ed è costretto a girare con la scorta. 'A voce d' 'e creature è un libro che nasce dall'incontro fra i ragazzi di don Merola e Marcello D'Orta, il maestro più famoso di Napoli, indimenticato autore di Io speriamo che me la cavo . Su indicazione di D'Orta, questi meravigliosi "guaglioni" hanno scritto dei temi in cui raccontano, con la loro scandalosa innocenza, Napoli e i suoi problemi. Parlano di camorra e di pizzo, di violenza e di monnezza. Scrivono lettere al sindaco e al papa, danno il loro impagabile punto di vista sul calcio, le scommesse clandestine, i botti di capodanno. Parlano dei loro desideri, delle loro speranze, del futuro. Scrive don Merola: "Con questi temi i bambini raccontano la camorra come un inferno che brucia le speranze dei cittadini onesti, il degrado delle strade, istituzioni quasi sempre assenti, strutture fatiscenti. I nostri bambini, in queste pagine, gridano il loro inno alla vita. Noi crediamo che il riscatto di Napoli parta dai bambini, dal dare voce alle sue creature". La serata, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Vico Equense, sarà moderata dalla giornalista Marina Ciaravolo.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©