Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Vico Equense. James Senese chiude il “Convivio Mediterraneo”


Vico Equense. James Senese chiude il “Convivio Mediterraneo”
30/08/2012, 10:16

Vico Equense - James Senese, domenica 2 settembre ore 21.00, chiude la rassegna sulla cultura gastronomica dedicata alla dieta mediterranea. Il concerto si terrà nel chiostro della Santissima Trinità e Paradiso. L'artista presenterà il cd "E' fernut' 'o tiempo": dodici tracce per un disco che si preannuncia come una grande sorpresa per i fan, sospeso tra stravolgimenti imprevedibili e il consueto sound deciso. L’ennesima dimostrazione dell'acuta creatività e genialità del sassofonista napoletano, già tra i più amati protagonisti del film e del concerto “Passione”, il viaggio nella musica napoletana tra passato e attualità nato da un’idea di John Turturro. Figlio di un soldato afroamericano e di una ragazza napoletana, Gaetano "James" Senese, nasce nel quartiere di Miano a Napoli. Il suo esordio, negli anni Sessanta, con i 4 Conny è targato King, etichetta di Aurelio Ferri. Da una costola del gruppo nascono gli Showmen, di seguito Showmen 2, band - il cui nome rende omaggio a una nota marca di attrezzature musicali - che rinsalda più che mai il sodalizio con Mario Musella (cantante e bassista). Con i Napoli Centrale, gruppo fondato assieme a Franco Del Prete, incide l'album omonimo e poi "Mattanza" e "Qualcosa ca nu 'mmore", in cui il jazz-rock assume forte connotazione popolare. Continuano le fortunate collaborazioni. Da quelle con Enzo Gragnaniello, Lucio Dalla e Raiz, nel 2001, nasce "Zitte! Sta arrivanne 'o mammone". Nel 1982, sua la colonna sonora di "No grazie, il caffè mi rende nervoso" di Lodovico Gasparini con Lello Arena e Massimo Troisi (film in cui Senese appare in un cammeo nel ruolo di se stesso). Senese fa inoltre parte, fin dagli esordi, della superband di Pino Daniele (Tullio De Piscolo, Tony Esposito, Joe Amoruso e Rino Zurzolo) tornati insieme nel 2008 con "Ricomincio da 30". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©