Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

VII Congresso dell'Associazione Luca Coscioni, presente anche l'Italia dei Diritti


VII Congresso dell'Associazione Luca Coscioni, presente anche l'Italia dei Diritti
15/10/2009, 11:10


Anche l'Italia dei Diritti parteciperà al prossimo Congresso dell'Associazione Luca Coscioni che si terrà ad Udine il 17 ottobre prossimo. Sotto invito del segretario Marco Cappato, il presidente del movimento di tutela e difesa dei diritti dei cittadini, Antonello De Pierro, commenta: "Siamo felici che l'associazione, da tempo impegnata nella libertà della ricerca scientifica, abbia pensato a noi in questa occasione così importante. L'Italia dei Diritti porterà il suo contributo, condividendo a pieno i principi che hanno mosso Cappato e gli altri associati".  A rappresentare l'Italia dei Diritti a Udine sarà il responsabile regionale per il Friuli Venezia Giulia, Luigino Smiroldo. Il presidente De Pierro, impossibilito a presenziare fisicamente all'appuntamento dei radicali, ribadisce però il suo sostegno alla causa dell'associazione e conferma: "Vi sono vicino in questa sacrosanta battaglia civile, osteggiata da un sistema di potere genuflesso alle ingerenze ecclesiastiche e voluta per fini prettamente politici e di consenso. Non si può barattare il diritto di autodeterminazione e il rispetto per la persona con spregevoli calcoli elettoralistici e clientelari".
L'associazione, fondata nel 2002 da Luca Coscioni, malato di sclerosi laterale amiotrofica e leader radicale della campagna per la libertà di ricerca sulle cellule staminali embrionali, vanta importanti traguardi: la consegna di 3.000 testamenti biologici al presidente della Camera Fini, l'approvazione da parte di decine di Comuni dei registri per i biotestamenti e la commercializzazione della RU 486. "Alcuni obiettivi sono stati raggiunti, ma c'è sempre chi rema contro - continua il presidente dell'Italia dei Diritti - E' un peccato che la stessa "rettitudine" morale che impedisce la liberta di cura e di ricerca non valga per quelli che invece sono gravi reati puniti dal codice penale e condannati dagli stessi principi cristiani. E' verso questi che i burattinai del potere si rivolgono - conclude - affetti da una grave miopia artatamente indotta, finalizzata come sempre al consolidamento del potere stesso".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©