Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

VIII Borsa di studio Economia Europea "Bruno Petretta"


VIII Borsa di studio Economia Europea 'Bruno Petretta'
03/05/2011, 14:05

In prossimità dell’annuale ricorrenza della Festa dell’Europa, si rinnova l’appuntamento con la Borsa di Studio sull’Economia Europea “Bruno Petretta”, giunta alla sua VIII edizione. Quest’anno la novità del Premio “GGE” dedicato ai Giovani Giornalisti Europei.

La Borsa, promossa ed organizzata dalla Delegazione campana dell’Associazione dei Giornalisti Europei in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Campania, è intitolata alla memoria dell’illustre giornalista scomparso, Bruno Petretta, componente dell’AGE campana sin dalla sua fondazione, nonché Segretario dell’Ordine dei Giornalisti della Campania fino al 2001, anno della sua scomparsa.

Nell’Aula Magna dell’Università “Federico II” sarà Vito Ferrini, laureato della Facoltà di Economia dell’ateneo federiciano, a ricevere il riconoscimento dell’AGE per essersi distinto, con la propria tesi di laurea dal titolo “Indirizzi di politica industriale dell’Unione Europea e contesto internazionale del nuovo millennio”, nell’approfondimento del tema delle potenzialità di crescita economica del Mezzogiorno alla luce delle politiche europee. Il relatore della tesi, Francesco La Saponara, presenterà il premiato.

La Borsa biennale “Bruno Petretta”, che si avvale del sostegno di Banco di Napoli e di Federalberghi Campania, è patrocinata da: Parlamento Europeo, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Regione Campania, Università degli Studi di Napoli “Federico II” e Centro Europeo di Informazione Cultura e Cittadinanza.

Nell’intento di valorizzare i giovani e coinvolgerli sempre più nel dibattito europeista, da quest’anno la Borsa prevede una sezione speciale: il Premio “GGE”, riservato ai Giovani Giornalisti Europei, che sarà assegnato alla Giornalista campana Carmen Cretoso, distintasi nella divulgazione dei temi riguardanti l’Europa e lo sviluppo dell’economia campana con il servizio televisivo “Dall’Europa all’Italia, i pro e i contro della Legge Zaia” trasmesso da Telecore.

Dopo l’introduzione della Delegata regionale dell’AGE, Vera De Luca, per celebrare l’inizio delle giornate dedicate alla Festa dell’Europa la cerimonia sarà preceduta dal complesso vocale del Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, che sotto la direzione del Maestro Carmelo Piccolo si esibirà negli inni italiano ed europeo.

Seguirà una tavola rotonda sul tema “Dove va l’Europa” moderata da Nuccio Fava, Presidente della sezione d’Italia dell’AGE, ed alla quale interverranno: Massimo Marrelli, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, che riceverà una targa per i suoi studi sulle problematiche connesse all'intervento pubblico nell'economia europea dal Direttore generale del Banco di Napoli, Giuseppe Castagna; Ottavio Lucarelli, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania; Gianfranco Coppola, Segretario dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, che ricorderà la figura di Bruno Petretta a 10 anni dalla scomparsa; Pino Arlacchi, Parlamentare europeo già Vicesegretario generale delle Nazioni Unite a Vienna; Achille Basile, Preside della Facoltà di Economia della Federico II di Napoli; Vittorio Dell’Uva, Giornalista corrispondente di guerra; Luigi Mascilli Migliorini, Docente di storia del Mediterraneo moderno presso “L’Orientale” di Napoli; Carmelo Occhino, Vicepresidente internazionale dell’Association des Journalistes Européens; Ernesto Paolozzi, Docente di storia della filosofia contemporanea presso l’Università Suor Orsola Benincasa; Maria Luisa Vacca, Dirigente CEICC del Comune di Napoli. La manifestazione prevede anche la partecipazione di un gruppo multietnico di allievi dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli accompagnati dal Ten. Col. Roberto Leo nonché di alcuni studenti dell’IPIA “G. Caselli” di Capodimonte con la Preside Carolina Tafuri, che nell’occasione esporranno alcune loro creazioni in ceramica.

Seguirà un brindisi in onore dei premiati con la collaborazione del Laboratorio artigianale Deia e delle Cantine Astroni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©