Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

VIII Giornata della prevenzione LILT


VIII Giornata della prevenzione LILT
11/04/2011, 11:04

Un corretto stile di vita, un’alimentazione equilibrata attenta ai prodotti agricoli del territorio, e quindi “a chilometri zero”, una periodica prevenzione, un’attività fisica costante ed anche controlli diagnostici preventivi. Sono questi, per la Lilt, gli “ingredienti” per vincere la battaglia contro il carcinoma prostatico, ma anche, più in generale, tutte le tipologie neoplastiche.
Grande affluenza di pubblico, questa mattina alla Pinacoteca provinciale (che per la prima volta ha ospitato un incontro aperto al pubblico), per l’evento “L’Arte è salute: dalla conoscenza del patrimonio artistico la tutela della salute” che ha caratterizzato l’VIII Giornata della Prevenzione del Carcinoma Prostatico, organizzata dalla sezione salernitana della LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, dalla Provincia di Salerno e dall’Esercito Italiano.
L’incontro, ha spiegato la moderatrice, la giornalista RAI Vira Carbone «intende coniugare la salute e la prevenzione, alla tutela della patrimonio artistico per dimostrare che, proprio come il recupero di un’antica tela o di un monumento, la salute può essere salvaguardata e preservata se si adottano costanti e periodici accorgimenti di tutela». Il presidente provinciale della LILT, Giuseppe Pistolese, ha sottolineato la grande valenza dell’impegno sociale della LILT «che da qualche mese – ha detto – non è più un organismo consultivo del Ministero della Salute sulle tematiche oncologiche, ma uno strumento operativo per l’attuazione degli interventi ministeriali in materia di ricerca di prevenzione».
Il dirigente della Provincia di Salerno Francesco Fasolino ha portato i saluti dell’amministrazione provinciale e del presidente Edmondo Cirielli, plaudendo al felice connubio tra l’arte e la salute: «un corretto stile di vita – ha detto - consente di riappropriarsi degli spazi del benessere» includendo, tra questi ultimi, anche le sale di un bel museo come quello allestito alla pinacoteca provinciale o nelle altre strutture espositive della Provincia di Salerno, analiticamente descritte dalla dirigente del settore Musei e Biblioteche della Provincia di Salerno Barbara Cussino (l’elenco è online all’indirizzo www.museibiblioteche.provincia.salerno.it).
Clementina Savastano, direttore dell’U.O.C. di oncologia nell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno ha sottolineato che le patologie neoplastiche sono in aumento «in Italia come nel resto del mondo occidentale e dei paesi industrializzati, ma fortunatamente diminuisce con un trend costante la mortalità proprio grazie alla diagnosi precoce».
Il colonnello Francesco D’Ianni, comandante del 19° Reggimento Cavalleggeri Guide di Salerno ha ricostruito l’impegno nelle missioni all’estero delle Forze Armate, segnatamente nei settori del ripristino nei servizi di erogazione di servizi essenziali, nella tutela della salute, e nel complessivo recupero di un clima generale di serenità, fiducia e tranquillità.
Rocco De Prisco, dell’Istituto di Chimica Biomelocolare del CNR di Pozzuoli, ha sottolineato l’importanza del consumo di prodotti vegetali e ortofrutticoli “a chilometri zero”, rimarcando anche i benefici di un consumo quotidiano e sistematico di frutta e verdura cromaticamente equilibrata «giacché – ha detto – è dimostrato che ogni colore – rosso, giallo, arancio, verde - concorre alla protezione da particolari patologie di tipo cardiovascolare, ma anche neoplastico». Particolare attenzione è stata dedicata al pomodoro San Marzano, le cui proprietà anche antitumorali sono ormai universalmente conosciute. «Ma – ha detto De Prisco – è importante che la coltivazione di questi prodotti avvengano in contesti ambientali e territoriali non inquinati» con un chiaro riferimento all’inquinamento dei corsi d’acqua dell’Agro nocerino-sarnese e al sempre più frequente utilizzo di sostanze disserbanti e anticrittogamiche nocive per la salute umana.
Conclusioni affidate all’urologo, responsabile del progetto, Antonio Brando: «La prevenzione – ha detto – è un’arma fondamentale per la lotta al tumore della prostata. Riteniamo che un museo, come la Pinacoteca di Salerno, luogo di cultura, ricerca e bellezza, rappresenti il luogo ove ciascuno possa compiere un proprio percorso di conoscenza anche verso l’apprendimento di uno stile di vita più corretto. Oggi l’Italia ha il triste primato europeo di obesità infantile, il 15%, e di altri fattori di rischio per le neoplasie prostatiche che purtroppo, nel 20% dei casi, vengono diagnosticate troppo tardi». E allora diviene importante, fondamentale, vitale un’attività diagnopstica precoce ed un costante screening dello stato di salute.
Nel pomeriggio di oggi (ore 16.00) a Villa Carrara (Pastena) e in serata (ore 19.00) al Dopolavoro Ferroviario di via Dalmazia, tradizionale distribuzione gratuita del “Sacco di Vitamine”: una serie di prodotti di chemioprevenzione offerti dalla AOP Armonia. Il sacco conterrà un coupon per poter effettuare gratuitamente il dosaggio del PSA Libero totale e Ratio «fondamentale per la prevenzione del tumore alla prostata», ha sottolineato il dottor Brando, in uno dei cinque laboratori d’analisi convenzionati con la LILT (Biodata Srl, Dr. Paolo Cicatelli, Diagnostica Cavallo, Analisi Cliniche Conforti, Biolabor).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©