Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Successi ed affermazioni a Verona per i produttori italiani

Vinitaly 2012 e Marchesi de' Frescobaldi tra record, storia e qualità


Vinitaly 2012 e Marchesi de' Frescobaldi tra record, storia e qualità
26/03/2012, 08:03

Subito grande successo ed affluenza da record per l’inaugurazione del più importante salone internazionale dedicato al vino, che prevede la presenza di operatori in arrivo da tutto il mondo. Intanto, mentre dal ministro delle Politiche agricole Mario Catania giungono indicazioni sul futuro del settore, che sta giocando a Bruxelles un’importante partita sui diritti di impianto, i produttori italiani consolidano il primato nell’export internazionale. In arrivo il commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos, il ministro Catania e il ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Fino al 28 marzo, dunque, a Verona, occhi puntati su Vinitaly, la manifestazione che più d’ogni altra ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a trasformare il vino in una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario.

Partendo dal lontano 1967 quando nel palazzo della Gran Guardia le Giornate del Vino Italiano rappresentarono  l’atto di nascita ufficiale della blasonata manifestazione, per il 2012 Vinitaly si è rinnovato riducendo i giorni di apertura da 5 a 4; cambiando anche la cadenza settimanale, che è passata dal tradizionale giovedì-lunedì a domenica-mercoledì per puntare con decisione su di un obiettivo teso ad ottimizzare la presenza di trader specializzati in arrivo da tutto il mondo e a dare più spazio agli operatori del canale horeca. In questo 46° Vinitaly, per la prima volta anche la presenza dei vini da agricoltura biologica e biodinamica, con il nuovo salone ViViT – Vigne, Vignaioli, Terroir. Fino al 28 marzo, per tutti gli esperti, operatori ed amanti del settore, organizzata da Veronafiere presieduta da Ettore Riello, Vinitaly, tra i circa 4000 espositori fra le presenze prestigiose, anche la “Marchesi de’ Frescobaldi” che con i suoi 700 anni di storia fatti di grandi vini toscani attende i visitatori al padiglione 8- Stand C5. Presente l’area manager Federico Improta, la blasonata azienda toscana fino a mercoledì non mancherà ancora una volta di evidenziare, attraverso delle interessanti degustazioni, le qualità e le caratteristiche dei vini delle sue Tenute. Illustrando il rapporto tra territorio ed ambiente esclusivo, particolare attenzione, come di consueto, sarà dedicata ai prodotti di punta della storica casa toscana che ancora una volta, puntando sull’enorme e crescente successo di pubblico, ha deciso di abbinare il  proprio nome a quello di una kermesse sempre più prestigiosa e significativa come Vinitaly.    

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©