Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Vittime delle mafie, Chiaiamagazine allega il film mai visto su Siani


Vittime delle mafie, Chiaiamagazine allega il film mai visto su Siani
20/03/2009, 16:03

Questo mese, in esclusiva con il mensile Chiaia Magazine il film mai distribuito su Giancarlo Siani «E io ti seguo», prodotto, scritto e diretto da Maurizio Fiume. Per l’occasione il giornale dedica l’apertura alla figura del cronista ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985 con una prima pagina di forte impatto dal titolo «Di chi è questa macchina» corredata da due foto-simbolo della vita di Siani: la sua inseparabile Mehari e una macchina da scrivere.

Tra i servizi da segnalare: «I ragazzi: Siani chi? Il comico?» (Il sondaggio: solo 3 liceali su 80 conoscono la storia dell’unico giornalista ucciso dalla camorra); «Marco Risi: “Vi presento il mio Siani”» (il regista spiega il suo ultimo film «Fortapàsc e dice: «L’auto di Siani è un simbolo, mettiamola in un museo»); «Perché a Saviano piacque “E io ti seguo”» (Nel 2004 l’autore di Gomorra commentò positivamente il primo lungometraggio sul caso Siani, prodotto e diretto da Maurizio Fiume). Inoltre: il confronto tra i due Siani interpretati da Libero De Rienzo (Fortapàsc) e Yari Gugliucci (E io ti seguo); la storia della Mehari ritrovata; le affinità tra Fortapàsc e Gomorra. 

«E io ti seguo» è un’accorata opera civile che merita una più attenta prospettiva di lettura, non soltanto da parte degli addetti ai lavori: «il film su Siani ha avuto una circolazione limitata nel tempo e nello spazio, forse perché, ab origine, non ha ottenuto un lancio adeguato nei circoli ufficiali. A cinque anni dalla prima proiezione ci rimane la soddisfazione di aver realizzato, con tutti i nostri sforzi, un progetto cui tenevamo molto», dice Maurizio Fiume.

«E io ti seguo» (realizzato con un budget di soli 350mila euro) è stato proiettato nelle scuole, in convegni e cineforum, ma di fatto non è mai stato distribuito. Il critico Morando Morandini nel suo «Dizionario dei film» scrive: «Avrebbe meritato una distribuzione più forte». Sky Vivo lo ha mandato in onda il 23 settembre 2006, mai più riproponendolo. 

www.mauriziofiume.com
www.chiaiamagazine.it

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©