Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Volla come San Giorgio a Cremano: lunedì la prima “Giornata del Gioco”


Volla come San Giorgio a Cremano: lunedì la prima “Giornata del Gioco”
18/05/2013, 09:43

 

 

San Giorgio a Cremano, 18 aprile 2013 – Le iniziative del Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine del Comune di San Giorgio a Cremano diventano modello di buone prassi anche per altri comuni. Dopo san Giorgio a Cremano, primo comune Campano, anche la Giunta Comunale di Volla, con delibera n. 40 del 17 aprile 2013, ha istituito la “Giornata del Gioco”, su esempio del modello di Sangiorgese, una grande conquista che ogni anno riceve ampio consenso ed apprezzamento sia da parte dei bambini che dagli stessi dirigenti scolastici, insegnanti, genitori ed ospiti, che esprimono grande adesione per le iniziative, che si riferiscono non solo alla categoria dei bambini, ma all’intera cittadinanza.

 

Lunedì, infatti, la “Giornata del Gioco” sarà celebrata anche a Volla, grazie ad un partenariato con San Giorgio a Cremano. L’iniziativa avrà cadenza annuale e si svolgerà ogni terzo lunedì del mese di maggio. Quest’anno le attività si svolgeranno dalle 9 alle 13 su via Caduti di Nassirya. Così Volla diventa la seconda città campana che dedica una giornata al gioco una grande conquista per i bambini che, come nella città di San Giorgio a Cremano, ha assunto le seguenti caratteristiche: appuntamento annuale in un giorno feriale, non per guadagnare un giorno di vacanza, ma per rompere lo stereotipo adulto del lavoro separato dal gioco, dal rapporto con gli altri; le scuole cittadine, aderendo ad un’opportuna intesa con l’Amministrazione Comunale sul tema bambini, gioco ed ambiente urbano, restano aperte solo per giocare; alcune strade della città sono chiuse al traffico per diventare luogo di gioco e tutti sono invitati a giocare.

 

La realizzazione della manifestazione rappresenta un’occasione di gioco e socializzazione non solo per i bambini ma anche per le loro famiglie, promuovendo il gioco negli spazi urbani riconquistandoli al traffico e alle auto in sosta, creandovi momenti di aggregazione, trasformando, per l’occasione parte della città in teatro dell’evento. La giornata del gioco di Volla è patrocinata dall’UNICEF e dal Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine di San Giorgio a Cremano dove si è giunti oramai all’ottava edizione. Sarà presente alla manifestazione la presidente Margherita Dini Ciacci a portare un saluto a tutti i bambini e il Sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano ed il coordinatore del Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine Franceso Langella. Sponsor Ufficiale sarà il Liberty City Fun Parco dei divertimenti di Volla che offrirà l’animazione, giocoleria e spettacoli di magia per la gioia di tutti i bambini. La giornata del gioco intende far scoprire il fascino senza tempo dei giochi tradizionali di strada.

 

“Provate a chiedere a un bambino di sei o sette anni: conosci il gioco della “campana” o “dei quattro cantoni”? Quasi certamente risponderà di no. Perché i bambini di oggi usano le consolle interattive, sono sempre più tecnologici, sempre più sedentari, sempre più casalinghi. E se per un giorno abbandonassero la loro stanzetta e scendessero in strada con i genitori per provare insieme i giochi che facevano mamma, papà e magari i nonni? I bambini – e non solo – si divertiranno all’aperto con i giochi della tradizione. Ma ciò che è davvero importante è che gli adulti trovano dentro di sé la disponibilità a ritornare bambini, a divertirsi con i propri figli, a scoprire il piacere di stare insieme e di lasciarsi guidare, nel mondo del gioco, da loro con creatività e divertimento!” Questo è quello che afferma l’assessore Simona Mauriello promotrice del Giorno del Gioco a Volla.

 

Il gioco è una delle componenti principali nella formazione psico-fisica dell’individuo; è occasione di socializzazione e di apprendimento; è formazione ed educazione. “Il Comune di Volla - ha dichiarato il Sindaco dr Angelo Guadagno - istituendo tale giornata è sensibile ai bisogni dei bambini. Credo che una “cultura del gioco” è spesso presente là dove esiste una “cultura del dialogo e dello scambio” pertanto tale giornata vuole essere un momento di confronto e di divertimento”.

 

Il Laboratorio di San Giorgio già nel 2010 viene citato tra le esperienze più significative nella 5ª Conferenza della Rete Europea delle Città Amiche deiBambini, a cui hanno partecipato circa 300 delegati di 37 paesi europei e del mondo. Una formula che funziona così bene da aver spinto il ministero degli Affari esteri ad adottarla nel programma di cooperazione internazionale per il rafforzamento delle istituzioni libanesi. Qualche mese fa una delegazione di autorità e di piccoli consiglieri dei ragazzi provenienti da tre città del Libano (Ajaltoun, Chyah e Jdeideh) è stata per tre giorni in visita a San Giorgio a Cremano.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©