Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Vo’on the Folks - XVII edizione


Vo’on the Folks - XVII edizione
21/03/2012, 11:03

Con il concerto dell’imprevedibile trio Netnakisum si chiude sabato 24 marzo la XVII edizione di “Vo’ on the Folks”. Dopo le sonorità swing jazz in stile Kansas City degli anni ’40 di King Pleasure & the Biscuit Boys, il folk celtico di matrice irlandese di Mairtin O Connor e la contaminata world music dei Magic Tombolinos, l’edizione 2012 della rassegna diretta da Paolo Sgevano ospita l’incredibile trio d’archi austriaco che sta spopolando in mezza Europa.

Alla Sala della comunità di Brendola (VI) va in scena l’eleganza, l’imprevedibilità e la forza scenica di questo piccolo ensemble formato da Marie Theres Härtel (viola e voce), DeeLinde (violoncello e voce) e Magdalena Zenz (violino e voce). Tre ragazze con un grande talento musicale unito alla capacità di dominare il palco, capaci di proporre agli spettatori uno show divertente e raffinato. Senza l’ausilio di batteria e strumenti elettronici, ma grazie all’eleganza di violino, viola e violoncello propongono uno spettacolo incentrato su brani originali e rivisitazioni di temi classici. Una band difficilmente classificabile che spazia da Strauss a Ravel, dalla polka striana ai ritmi balcanici, fino ad arrivare ai Deep Purple e Britney Spears. Il tutto indossando i dirndls, maliziosi costumi tradizionali del loro paese. Con tre dischi all’attivo - il cd omonimo del 2007, il successivo “Nutville” del 2009 e il recente cd/dvd “Das Geheimnis Der Alpenstube” del 2011 - le Netnakisucm (termine tedesco che tradotto significa musicista tradizionale scritto al contrario) sono reduci dal successo del tour negli Stati Uniti e presentano a Brendola il loro colorato e stravagante incrocio tra la cultura austriaca e la musica contemporanea.



“Vo’ on the Folks” è una rassegna di musica popolare che racconta di preziose tradizioni da conservare e che mostra il volto allegro e introspettivo dell’arte, intesa come valore da condividere e fattore di crescita sociale e culturale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©