Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

XV edizione di "Linea d'Ombra-Festival Culture Giovani"


XV edizione di 'Linea d'Ombra-Festival Culture Giovani'
12/04/2010, 15:04

Avventuroso, sorprendente, mai ripetitivo, martedì 13 torna “Linea d’Ombra-Festival Culture Giovani” di Salerno, progetto diretto da Peppe D’Antonio e Agostino Riitano che fino a domenica 18 porterà in Campania artisti provenienti da ogni parte del globo (Brasile, Germania, Cile, Polonia, Romania, Argentina, Islanda, Portogallo, UK, Francia, Belgio, Cile) e che nell’arco di una settimana – raccontando il tema dell’identità in molteplici ambiti creativi – presenterà 80 eventi spettacolari (ieri sera l’anteprima del festival con il concerto dei Sick Tamburo al Campus di Fisciano) fra proiezioni cinematografiche di lungometraggi/cortometraggi, show itineranti, concerti, incontri con registi, laboratori collettivi, dj-set, simposi cultural-culinari e rave fotografici.



Tra il centro storico, il cinema Augusteo, il cinema Apollo, il complesso monumentale di Santa Sofia, il teatro Vittoria e la chiesa dell’Addolorata, dalle 9.30 alla mezzanotte ogni giorno si susseguiranno appuntamenti per coinvolgere giovani e non, interrogandosi <sul rapporto fra sé e gli altri>, come ha tenuto a puntualizzare D’Antonio, <analizzando tanto le dinamiche dell’identità tecnologica quanto di quella genetica. Da qui la scelta di approfondire la produzione filmica della Romania. Territorio cruciale della nuova Europa>.



Così per la retrospettiva dedicata al cinema rumeno contemporaneo, domani alle 19 al complesso di Santa Sofia verrà proiettato “A Est di Bucarest” di Corneliu Porumboiu. Ma la giornata inizierà alle 9.30 al cinema Apollo con il “Progetto scuola”: in cartellone per gli studenti “Avatar” di James Cameron. Dalle 17 alle 19, invece, per il segmento “CortoEuropa”, i cortometraggi “Io parlo”, “Il grande forse”, “Il vincitore”, “Blue sofà”, “Stato privato” e “Banduryst”. Alle 19 la partenza delle anteprime internazionali del segmento “Passaggi d’Europa”, per i film in concorso, con “Nothing Personal” di Urszula Antoniak. Film interpretato dall’olandese Lotte Verbeek che sarà ospite del festival sabato 17 e che racconterà agli spettatori non solo i retroscena di questa esperienza che le ha fatto guadagnare il titolo di miglior attrice al Festival di Locarno 2009 ma anche l’atmosfera de “Le ragazze dello swing”, fiction in omaggio del famoso Trio Lescano che sarà trasmessa nelle prossime settimane da Rai Uno, nella quale l’attrice recita e canta nel ruolo di Giuditta Leschan. Dalle 21 a Santa Sofia, poi, la presentazione delle installazioni-laboratorio “Luoghi comuni” del collettivo italo-francese Hypertopia e infine alle 22 all’Augusteo il live teatrale degli Afterhours (ospite Vasco Brondi, alias Le luci della centrale elettrica). Una performance in cui la band guidata da Manuel Agnelli canta i suoi classici sovrapponendoli a letture di Pasolini, Manganelli e Flaiano. Sul palco, Manuel Agnelli (voce, chitarra, tastiere) e Giorgio Prette (batteria) saranno affiancati da Giorgio Ciccarelli (chitarra), Rodrigo D’Erasmo (violino), Roberto Dell’Era (basso elettrico e voce) e Vasco Brondi (voce e chitarra).



Intanto cresce l’attesa per la ricerca “RazzaUmana/Italia” di Oliviero Toscani e La Sterpaia che mercoledì dalle 12 alle 18 in piazza Portanova documenterà con un incessante servizio fotografico gli sguardi, gli zigomi e le bocche dei cittadini salernitani. Ricerca che troverà il suo compimento sabato 17 a Palazzo Genovese con una videoproiezione architetturale dei contenuti raccolti durante la settimana di set.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©