Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Incremento significativo di oltre 2 milioni nell'ultimo anno

13 milioni di fumatori in italia, per la prima volta in aumento dopo la legge Sirchia


13 milioni di fumatori in italia, per la prima volta in aumento dopo la legge Sirchia
11/01/2010, 22:01

NAPOLI - Cinque anni fa è entrata in vigore l'intransigente legge Sirchia che vietava il fumo nei luoghi pubblici. Inizialmente si erano registrate flessioni che facevano bensperare, con diversi fumatori che avevano abbandonato il vizio. Per la prima volta dall'introduzione della norma anti-sigaretta, però, si è registrato un considerevole aumento; dovuto soprattutto alla presenza dei nuovi tabagisti e della categoria dei "pentiti". Attualmente, in Italia, ci sono infatti 13 milioni di fumatori (due in più rispetto allo stesso periodo del 2008). Di questi 7,1 sono uomi e 5,9 sono donne. I consumatori di tabacco più accaniti hanno dai 25 ai 44 anni.
Le cifre sull'aumeno dei consumi sono state diffuse dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) che attribuisce l'incremento in prevalenza alla forte presenza di coloro che, dopo aver abbandonato il fumo per qualche anno, non sono riusciti a resistere alla tentazione ed hanno ripreso a fumare come e più di prima.
Preoccupanti anche le percentuali riferite ai più giovani con un 30% di fumatori di età compresa tra i 15 e i 25 anni.
Inutile a quanto pare notizie come quella che avverte "
Il fumo di tabacco contiene prodotti tossici 400 volte più alti dei livelli per i quali in una città viene fermata la circolazione delle auto". Per non parlare poi delle scritte "Il fumo nuoce gravemente alla salute" che risultano in pratica da sempre del tutto inutili come deterrente (del resto, per molti ragazzini, atteggiarsi ad adulti tenendo una sigaretta tra le dita è evidentemente più importante di evitare un cancro).
La onlus lancia così la proposta "Anno nuvo aria nuova"; confidando nel buon senso dei fumatori affinchè, durante questo 2010, riescano ad abbandonare il loro dannosissimo e dispendiosissimo vizio (non dimentichiamoci quanto costa in media un pacchetto di sigarette). La lilt si rende conto che "smettere di fumare 'da soli' non è così semplice" e che "Per questo motivo diventa importante sapere di poter contare sul supporto di esperti che aiutano a superare la dipendenza psicologica dalla sigaretta, accompagnando i partecipanti in questo percorso di disassuefazione dal fumo. Per smettere di fumare ci vogliono determinazione e una forte motivazione, ma con i consigli e il sostegno psicologico degli esperti" è possibile dire addio al 'vizio'".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©