Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

32esima edizione Mese della Prevenzione Dentale


32esima edizione Mese della Prevenzione Dentale
17/10/2012, 09:30

A ottobre, ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani e MENTADENT – leader dell’igiene orale in Italia – rinnovano il tradizionale appuntamento con il Mese della Prevenzione Dentale, giunto alla 32esima edizione.

ANDI e Mentadent confermano e rinnovano il loro impegno per il miglioramento della salute orale, attraverso una sempre maggiore sensibilizzazione sulle corrette abitudini di igiene dentale quotidiana.

Sorridere è uno dei gesti più belli, spontanei ed espressivi che possiamo compiere.

Il sorriso è’ considerato il nostro "biglietto da visita": comunica le nostre emozioni ed esprime i nostri sentimenti, cattura lo sguardo e l’attenzione delle persone che incontriamo.

Un sondaggio dell’istituto International Research su abitudini e opinioni dei consumatori rivela che un bel sorriso è al terzo posto tra gli elementi più importanti dell’aspetto di una persona, dopo la linea e il carattere.

Poiché il modo migliore per conservare un sorriso sano e bello è proprio la prevenzione, a cominciare da piccoli, anche quest'anno 13 mila dentisti ANDI con la collaborazione di Mentadent, saranno impegnati in quello che è di fatto l’unico programma di prevenzione odontoiatrica attivato sull’intero territorio nazionale, e che permette a tutti i cittadini di effettuare gratuitamente una visita di controllo annuale.

Se attualmente la salute orale degli italiani è fra le migliori in Europa, lo si deve anche a questa iniziativa che va avanti ininterrottamente dal 1981, oltre all’efficacia del modello assistenziale basato sul dentista libero professionista.

Grazie al Mese della Prevenzione Dentale, oggi gli italiani sono consapevoli che prevenire è meglio di curare e che effettuare una regolare visita di controllo è indispensabile non solo per curare i disturbi del cavo orale ma soprattutto per evitare che insorgano complicanze più importanti che possono anche compromettere la salute più in generale.

Non bisogna tuttavia abbassare la guardia, continuando ad investire sulla prevenzione, in particolare quella dei più piccoli, anche in un periodo di così grave crisi economica e di difficoltà per i pazienti di accedere alle prestazioni odontoiatriche anche per le carenze dell’odontoiatria pubblica.

Durante tutto il mese di ottobre, sarà dunque possibile fissare un appuntamento per una visita gratuita presso uno dei dentisti ANDI volontari aderenti. Basta chiamare il NUMERO VERDE MENTADENT 800 800 121 – attivo per informazioni e prenotazioni dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00 – per conoscere nome e indirizzo dello studio più vicino e scegliere giorno e ora. L’elenco dei professionisti aderenti è disponibile anche su www.mentadent.it e www.obiettivosorriso.it.

La visita di controllo sarà l’occasione per valutare lo stato di salute orale di tutta la famiglia e ricevere consigli "su misura" per ognuno dei componenti. 


 Ma il "Mese della Prevenzione Dentale" è solo uno dei molteplici programmi a favore del sociale in cui è impegnata l'ANDI.

 L'Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che mi onoro di rappresentare in qualità di Segretario Provinciale, è il sindacato di categoria che con oltre 21.000 associati rappresenta oltre il 50% dei dentisti operanti sul territorio nazionale. L’associazione rivolge da sempre il proprio impegno non solo in attività sindacali,  culturali e scientifiche, ma soprattutto in iniziative  a favore del sociale: basti ricordare il progetto "Adotta un sorriso", la manifestazione evento dell’"Oral Cancer Day” o ancora il recente “Accordo per l’Odontoiatria Sociale” stabilito con Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, per offrire alle fasce più disagiate della popolazione, prestazioni odontoiatriche a prezzi agevolati.   Interventi che, senza il minimo intervento da parte dello Stato, rappresentano di certo importante contribuito ad una progressiva e decisa diminuzione su larga scala della patologia odontostomatologica.  

Ritengo che in un momento sociale così particolare, determinato dalla crisi economica ed aggravato da tensioni, sia giusto sostenere la parte sana della professione, che di certo è la maggiore, e  che con rigore, onestà e rispetto per il paziente si batte ogni giorno per radicare nella società quelli che sono i concetti di prevenzione e affidabilità dei professionisti che poi, come le aziende ed il territorio, sono il patrimonio di un paese che è tra i primi al mondo come livello delle cure odontoiatriche offerte.

Augurandomi di aver fatto cosa gradita, resto a disposizione per ogni ulteriore chiarimento ove fosse necessario  e ringrazio per l'attenzione.
Cordiali saluti e buon lavoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©