Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

A Napoli un simposio internazionale per i 50 anni dell'Istituto di Genetica e Biofisica del CNR


A Napoli un simposio internazionale per i 50 anni dell'Istituto di Genetica e Biofisica del CNR
29/02/2012, 12:02

Napoli – La scienza per celebrare la scienza. Si parlerà di biologia dello sviluppo, delle cellule staminali e dei tumori e di altri temi scientifici cruciali per il progresso della medicina e la cura delle malattie all’IGB CNR 50th Anniversary symposium, il simposio internazionale che l’Istituto di Genetica e Biofisica del Consiglio Nazionale delle Ricerche “Adriano Buzzati-Traverso” di Napoli organizza giovedì 1 marzo 2012 alle ore 10.00 presso la sede di via Pietro Castellino.
Il simposio, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, inaugura i festeggiamenti per il cinquantenario dell’Istituto e sarà aperto dai saluti del neo Presidente del CNR Luigi Nicolais, del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e del direttore dell’IGB-CNR Antonio Baldini.
A confronto con i ricercatori dell’istituto napoletano saranno scienziati di fama mondiale come Anders Björklund, Walter J. Gehring, Claudio Stern e Pier Paolo Pandolfi.
Professore di Neuroscienze presso il Wallenberg Neuroscience Center dell’Università di Lund in Svezia Anders Björklund è pioniere nella ricerca per l’utilizzo delle cellule staminali nella medicina rigenerativa e, quindi, nella terapia delle malattie neurodegenerative, quali il morbo di Parkinson. Walter J. Gehring, professore di Biologia dello Sviluppo e Genetica presso l’Università di Basilea, è l’autore di ricerche fondamentali per l’identificazione dei cosiddetti geni omeotici, ovvero i geni di controllo dello sviluppo dell'embrione negli insetti e nei vertebrati, e di un gene che regola la funzione della visione in tutti gli animali. Claudio Stern, professore di Biologia Cellulare e dello Sviluppo presso lo University College di Londra, è studioso dei meccanismi cellulari e molecolari di differenziamento che regolano lo sviluppo dell’embrione nei vertebrati. Pier Paolo Pandolfi, professore di Patologia presso la Facoltà di Medicina di Harvard, chiuderà il simposio illustrando le sue ricerche sulle alterazioni dei geni e dei meccanismi molecolari e cellulari associati alla patogenesi di molte leucemie, linfomi e tumori solidi.
Dopo il simposio, l’IGB-CNR organizzerà altre iniziative culturali e scientifiche aperte alla città per tutto l’anno.
In primavera l’appuntamento sarà con gli Science Café, incontri informali in cui si potrà discutere di scienza con i ricercatori dell’IGB-CNR, mentre a giugno l’Istituto ospiterà il Bioforum, rivolto ai centri di ricerca e alle aziende che intendono innovare attraverso le biotecnologie, favorendo il trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca a quello imprenditoriale. Un momento importante per l’incontro tra scienza e imprese.
In autunno è previsto un convegno sul rapporto scienza e società e a novembre, infine, l’Istituto aprirà i laboratori ai visitatori per l’evento "Porte aperte all’IGB-CNR".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©