Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Abarth al 80° Salone Internazionale di Ginevra


Abarth al 80° Salone Internazionale di Ginevra
26/02/2010, 13:02

Ad ulteriore conferma dell’interesse del pubblico e dell’investimento di Fiat Group nel progetto Abarth, il Brand si presenta a Ginevra con importanti novità. In anteprima mondiale verranno presentate Abarth Punto Evo e Abarth 500C, due nuove elaborazioni dello Scorpione di modelli conosciuti ed affermati.

Abarth Punto Evo è l’elaborazione in chiave sportiva e tecnologica della versione di Fiat presentata lo scorso settembre. Con questo modello Abarth punta a rinforzare ancora la presenza nel cuore dei giovani appassionati, come già iniziato con la Grande Punto, che conta la maggior parte dei suoi clienti in una fascia compresa tra i 18 e i 30 anni.

Grande attesa e curiosità per la Abarth 500C, la prima convertibile della nuova era dello Scorpione. Una vettura elegante e dinamica, che mantiene la sua anima Abarth grazie ai contenuti sportivi di cui è dotata. Oltre che frutto di una rielaborazione tecnica, la Abarth 500C si pone anche come una scelta strategica della casa dello Scorpione. Infatti, con questa vettura, Abarth strizza l’occhio alla clientela anche femminile che ricerca design ed eleganza, ma che non disdegna le prestazioni di una vera sportiva.

Queste importanti novità saranno commercializzate nei prossimi mesi dalla rete di vendita ufficiale Abarth in Europa, Giappone e presto in altri mercati e andranno a contribuire ai già ottimi risultati del 2009.

La migliore dimostrazione che la strada intrapresa sia quella giusta, risiede proprio nei numeri che “parlano” di un brand in continua crescita: dal 2008 ad oggi sono state vendute quasi 20.000 vetture, di cui nel 2009 si contano 8400 Abarth 500 e 2700 Abarth Grande Punto, oltre a 3300 kit prestazionali. Un successo commerciale straordinario al quale aggiungere l’inarrestabile crescita dei dealer e preparatori ufficiali.

Abarth sta ultimando la copertura di città strategiche in Europa come Amsterdam e Parigi, e oltre al consolidamento di mercati già conquistati, si sta ampliando ai mercati dell’ Est Europa come la Romania, e del bacino del Mediterraneo come Israele.

Dunque, la rete di distribuzione Abarth è una realtà davvero unica nel suo genere: ad oggi, in Europa, sono 141 gli showroom, 140 i preparatori ufficiali e 300 punti di assistenza. Senza contare la più recente rete di preparatori “Abarth Racing”, costituita da 6 punti, ai quali è affidata in esclusiva la vendita e l’assistenza ai clienti delle vetture da corsa dello Scorpione.

Lo stand allestito a Ginevra

Uno stand totalmente rinnovato per il salone di Ginevra 2010 farà da palcoscenico alle anteprime mondiali dei due nuovi modelli Abarth.

L’idea progettuale che ha ispirato la realizzazione dello spazio è la semplificazione: l’architettura non utilizza un linguaggio proprio per interpretare il brand, ma è un substrato per esaltarne i valori. Abarth è protagonista, con tutto il suo mondo e si espone al pubblico pura e semplice, nella sua massima essenza. Questa scelta concentra così l’attenzione sulle due nuove Abarth, presentate in premiere mondiale a Ginevra, che vanno ad arricchire la gamma dello Scorpione.

Si apre così un grande spazio con due aree di luce sulle quali sono posizionate le vetture: questo è il palco, che interpreta e racconta il mondo di Abarth.

Una lastra di cristallo campeggia al centro dello spazio, volta a reggere la riconoscibile icona di Abarth; la quinta ideale che fa da sfondo alle vetture è un grande display a led che rappresenta l’elemento centrale della macchina scenica.

Le linee di tutto lo stand sono simmetriche, rette e con angoli di novanta gradi e i materiali sono altrettanto neutri e intangibili: elementi strutturali bianchi e abbondante ricorso alla trasparenza contribuiscono a sottrarre “rumore” visivo per focalizzare l’attenzione sul contenuto.

Sotto il pavimento in cristallo sono riprodotti disegni tecnici della meccanica Abarth, idealmente esposta, visibile a tutti, come un tempo succedeva per le vetture con il cofano posteriore parzialmente sollevato.

Gli elementi immateriali come la luce, il suono, i contenuti digitali non sono in questo caso accessori, ma lavorano in maniera integrata e sincronizzata identificando momenti scenici diversi tra loro, rendendo così lo stand sempre in movimento. Lo spazio fisico neutro e minimale si colora e si riempie di scene che raccontano in sequenza i valori di Abarth: sfida, passione, ingegnosità, italianità, partecipazione, determinazione, autenticità.

Uno spazio che racconta in maniera viva e coinvolgente il mondo Abarth è quindi il contesto ideale dove vengono rivelate le sue due ultime espressioni: Abarth Punto Evo e Abarth 500C.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©