Cyber, scienza e gossip / Sesso

Commenta Stampa

Abili ai fornelli e con il ferro da stiro, gli uomini le vogliono così


Abili ai fornelli e con il ferro da stiro, gli uomini le vogliono così
24/03/2010, 13:03


ROMA - Se con l’emancipazione le donne pensavano di non dover eccellere nei lavori domestici si sbagliavano di grosso. Nel 2010 l’uomo continua a desiderare una compagna abile ai fornelli ed esperta nella pulizia della casa. Almeno secondo il sondaggio del club per single Eliana Monti che ha chiesto agli uomini quali fossero le abilità richieste ad una moglie perfetta. Secondo il 37% degli intervistati un’attitudine fondamentale che la donna deve possedere è quella di saper cucinare bene. Il 24%, invece, desidera una compagna che sappia stirare e il 21% una che sia in grado di pulire la casa alla perfezione. Meno popolari le aspiranti mogli che sanno fare il bucato (12% di preferenze) e quelle abili a cucire e rammendare (6%). “Nonostante la donna di oggi sia sempre più impegnata a lavoro e nonostante il fatto che anche gli uomini si cimentino nelle faccende domestiche, nell’immaginario maschile è ancora forte l’attrazione per la donna che sa accudire il “focolare domestico”. La donna di oggi può ancora conquistare un uomo prendendolo per la gola, grazie alle sue abilità culinarie” spiega Eliana Monti, fondatrice del club per single. Anche se gli uomini richiedono alla propria partner doti da casalinga perfetta, non si tirano indietro quando è necessario svolgere le faccende domestiche. Il 79%, infatti, si dichiara disposto ad occuparsi direttamente della cura della casa e della preparazione dei pasti per tutta la famiglia.“Sono sempre di più gli uomini che si interessano alle attività che riguardano la cura dell’ambiente domestico. Questo va a tutto vantaggio della coppia che finisce per cementare l’unione anche grazie alla condivisione delle incombenze pratiche” chiarisce la signora Monti. Secondo Eliana Monti, infatti, il consiglio per le giovani coppie è quello di affrontare attraverso il dialogo tutte le problematiche strettamente legate alla convivenza, evitando di lasciar correre il perpetuarsi di abitudini sbagliate. “La forza di una relazione si basa anche sulla capacità di dividersi i compiti nella vita pratica, così da renderla piacevole per entrambi. Alcuni rapporti che inizialmente sembrano perfetti finiscono per naufragare proprio a causa di un’errata gestione delle attività nella vita quotidiana. Spesso per abitudine si finisce per sovraccaricare la donna di impegni legati alle faccende domestiche, dimenticando che lo stress così provocato può danneggiare la coppia. È bene dunque conoscersi a fondo prima di decidere di convivere ed una volta giunti ad una vita sotto lo stesso tetto, è importante dialogare e confrontarsi a fondo anche sulla gestione della vita pratica” conclude Eliana Monti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©