Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Pronti flash ed Air per i dispositivi mobili

Adope: arriva Flash Player sugli smartphone


Adope: arriva Flash Player sugli smartphone
15/02/2010, 21:02

NAPOLI - L'importante annuncio è stato dato direttamente dalla Adobe al Mobile World Congress di Barcellona: la notissima azienda produttrice di software per la riproduzione e la creazione di contenuti multimediali ha annunciato l'abbattimento di una barriera tecnologica che già da diversi tempo appariva barcollante.
La versione 10.1 di Flash e AIR su un Motorola DROID è infatti già stata presentata; lasciando intuire la nuova strategia di mercato dalla casa californiana per il sempre più ampio e redditizio settore degli smartphone. Il guanto di sfida verso la Apple ed il suo I-Phone è dunque lanciato e, come notato dai partecipanti al MWC, il nuovo sistema Air gira bene su Linux ed in pratica su tutti gli open source.
La versione definitiva prevista per la prima metà del 2010 potrà contare su un supporto al multitouch e, vera chicca, sulla possibilità di "costruire" applicazioni flash in codice eseguibile direttamente su IPhone (Os). Secondo la Adobe, 19 produttori OEM per smartphone su 20 starebbero lavorando già per garantire la presenza e la funzionalità di flash sui loro dispositivi. In generale, circa la metà dei cellulari della new generation potrà usufruire entro l'anno delle multimedia feature aggiuntive garantite dai programmi Adobe. Doveroso precisare che, per ora, il sistema Html 5 resta di gran lunga il preferito dalla casa di Cupertino e, per tale ragione, durante l'MWC, il  portavoce Adrian Ludwig  ci ha tenuto a lanciare una frecciatina a Jobs e ai suoi precisando che "La piattaforma Flash fornisce agli sviluppatori un modo per connettersi ai consumatori senza passare per un guardiano o un singolo soggetto che prende decisioni su quale tipo di contenuti i suddetti consumatori debbano consumare" (fonte: punto-informatico.it).
Riguardo la possibile collaborazione con la Microsoft, l'azienda americana e quella canadese non nascondo che stanno da tempo lavorando ad una soluzione per portare il lettore multimediale Adobe sul Windows Mobile anche se, almeno per ora, non sono previste interazioni sugli smartphone in tal senso.
In ultimo c'è la parentesi (sempre più grande) dedicata a Linux e agli altri sistemi open source. In questo senso la Adobe è entrata nella Fondazione Limo (di Linux Mobile) per assicuarsi un ruolo da protagonista nel nuovo mercato nato da poco ma già molto attivo e fruttuoso.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©