Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Firmato il contratto preliminare per l’organizzazione

Al via 63esimo congresso mondiale dell'Astronautica


.

Al via 63esimo congresso mondiale dell'Astronautica
02/07/2010, 21:07

NAPOLI - Napoli ospiterà il 63esimo congresso mondiale dell'astronautica. E’ stato firmato a Palazzo Santa Lucia, in Sala Giunta, il contratto preliminare per l'organizzazione dell'evento che si svolgerà nel 2012 nel capoluogo campano. L'accordo è stato siglato dall'assessore regionale ai Trasporti e alle Attività produttive Sergio Vetrella, dal presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Enrico Saggese e dal presidente dell'International Astronautical Federation (Iaf) Berndt Feuerbacher. L'assegnazione a Napoli della più importante manifestazione mondiale del settore è avvenuta lo scorso 16 ottobre 2009 nell'ambito dell'International Astronautical Congress (Iac) tenutosi a Daejon (Corea del Sud), a seguito di una gara internazionale nella quale il capoluogo della Campania si è imposto sulle città di Parigi, Lisbona, Vienna e Bruxelles. Il congresso mondiale dell'astronautica coinvolge ogni anno più di 4mila persone provenienti da tutto il mondo tra scienziati, industriali e operatori nel comparto spaziale. La kermesse di Napoli, in particolare, che avrà una durata complessiva di 7 giorni a partire dal 10 ottobre del 2012, prevede di organizzare la parte tecnica e scientifica presso la Mostra d'Oltremare e di coinvolgere i più importanti palazzi storici della città (Castel dell'Ovo, Teatro San Carlo, Palazzo Reale, Maschio Angioino) per gli eventi sociali e di natura strategica. Inoltre, con l'obiettivo di coinvolgere anche la cittadinanza in un'iniziativa "unica" nel suo genere, si prevede di organizzare mostre tematiche e di installare presso le principali aree del centro storico e della zona industriale di Napoli Est, importanti 'facilities' del settore spaziale quali razzi, sonde, capsule di rientro. "Questo importante risultato - ha dichiarato l'assessore regionale ai Trasporti e alle Attività produttive, Sergio Vetrella - è stato reso possibile anche per il ruolo centrale che le realtà campane della ricerca e dell'impresa hanno avuto e hanno nello sviluppo, a livello mondiale, del settore aerospaziale". "Una grande opportunità per Napoli e per tutta la Campania - ha aggiunto il presidente dell'Agenzia spaziale italiana, Enrico Saggese - per la valorizzazione e la promozione del suo comparto spaziale che conta eccellenze internazionali quali ad esempio il Cira di Capua". Il sindaco della città, Rosa Russo Iervolino, ha confermato soddisfazione per la scelta dell'Assemblea dell'Iaf di accogliere la candidatura di Napoli e ha ribadito l'attenzione con la quale l'Amministrazione comunale curerà sia le tappe di avvicinamento che la sua riuscita. "La manifestazione rappresenta una grande opportunità per la nostra città - ha sottolineato il sindaco - per una settimana Napoli ospiterà esperti del settore aerospaziale mondiale, personalità della politica, della scienza e del mondo imprenditoriale. Questo evento contribuirà a rafforzare la presenza napoletana nel settore del turismo degli affari ed è anche una straordinaria occasione per portare all'attenzione mondiale l'industria aerospaziale napoletana, i suoi centri di ricerca e di eccellenza ed i centri della comunicazione scientifica". Il sindaco ha, inoltre, ribadito il suo impegno a proseguire nell'azione di raccordo istituzionale con la Regione Campania e la Provincia di Napoli, per fare in modo che quest'evento sia realmente un volano per il territorio. "La scelta della città di Napoli - ha affermato il presidente Feuerbacher - porterà di sicuro alla realizzazione di uno degli eventi più importanti del settore aerospaziale mondiale" e si è detto certo del successo dell'evento in preparazione del quale si sta già svolgendo il primo appuntamento, ossia la mostra `Astri e particelle' presso la Città della Scienza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©