Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Tra i temi portanti "Neurologia e donna"

Al via da domani la Settimana mondiale del cervello


Al via da domani la Settimana mondiale del cervello
12/03/2011, 19:03

Domani inzierà la "Settimana mondiale del cervello", una ricorrenza annuale, precisamente la sedicesima, dedicata al mondo dell'organo più misterioso del corpo umano. L'evento, a cui parteciperanno le Società Neuroscientifiche di tutto il mondo, è finalizzato ad informare e sensibilizzare la collettività sull'importanza della ricerca neurologica attraverso una serie di eventi ed inziative (oltre 700) in 39 diverse nazioni.

In Italia la "Settimana mondiale del cervello" è stata promossa dalla Società Italiana di Neurologia. Dal 13 al 20 marzo sarà possibile partecipare a numerose iniziative sul territorio nazionale quali conferenze e dibattiti, con la possibilità di visitare reparti e intere strutture ospedaliere che, attraverso il progetto "Neurologia a porte aperte", si sono messe a disposizione per l'evento, permettendo visite guidate dei reparti e dei laboratori di neurologia, diagnostica e ricerca.

Un'attenzione particolare verrà riservata al tema "Neurologia e donna", che sarà uno degli argomenti portanti di questa edizione della manifestazione. Quello della medicina di genere, infatti, risulta essere un tema di grande importanza anche in campo neurologico, in cui si riscontra che numerose patologie, come emicranee, cefalee, sclerosi multipla, CCSVI, ansia, depressione e Alzheimer colpiscono maggiormente l'universo femminile.

Tra i temi trattati ce ne sarà anche uno generalmente considerato come secondario: quello del sonno. Gli uomini trascorrono circa un terzo della propria vita dormendo, ed è chiaro che le conseguenze di un cattivo sonno sulla salute possono essere assolutamente nefaste. Percentuali non trascurabili di popolazione, infatti, soffrono di insonnia, difficoltà respiratorie e sindrome delle gambe stanche. Per tale ragione è stato considerato opportuno trattare anche il tema del sonno, che purtroppo spesso risulta essere uno dei temi di salute più sottovalutati.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©