Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Più di 80 aziende hanno aderito al progetto

Al via il Polo Tecnologico dell'Ambiente


Al via il Polo Tecnologico dell'Ambiente
16/07/2009, 17:07

Il Polo Tecnologico dell’Ambiente di Napoli è ormai una realtà. Più di 80 aziende hanno aderito al bando promosso dalla Camera di Commercio di Napoli e dal Centro di competenza dei rischi ambientali AMRA. L’iniziativa, nata da una proposta dell’Unione Industriali di Napoli, punta a diventare il primo Centro di eccellenza italiano nei settori della ricerca, produzione ed erogazione di servizi ambientali ad alto contenuto tecnologico ed in tale ottica ha ottenuto anche il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.
Entro ottobre 2009 ci sarà lo start up del progetto ed entro fine anno sarà bandita la gara d’appalto per la realizzazione della struttura che sarà completata e resa operativa entro il 2012.
La notizia è stata ufficializzata dall’Amministratore delegato della PTA scpa Paolo Minucci Bencivenga.
“Il consenso conseguito dal progetto promosso dall’Unione degli Industriali di Napoli, unitamente a CCIAA e AMRA, con il consenso unanime di tutte le associazioni imprenditoriali e delle principali istituzioni scientifiche, segna una svolta nelle politiche di rilancio e sviluppo di un territorio e di uno specifico settore di attività. L’alto numero di imprese nazionali che hanno aderito al progetto è un chiaro segnale verso le Istituzioni che viene dal mondo delle imprese ed allo stesso tempo traccia la direzione che caratterizzerà l’economia dei prossimi anni: la green economy, in cui il PTA potrà svolgere un ruolo di primo piano in campo nazionale ed internazionale”.
Il Polo Tecnologico dell’Ambiente, che sorgerà nell’area già bonificata di Bagnoli, prevede la creazione di circa 800 nuovi posti di lavoro tra addetti interni ed indotto, e creerà un giro di affari di oltre 250 milioni di euro.
“Nato con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento internazionale tecnico-scientifico nel settore  ambientale, il PTA  – continua Bencivenga – in tale ottica punterà ad incentivare lo sviluppo delle tecnologie “verdi”, favorendo l’integrazione tra imprese, ricerca e formazione. Le imprese e gli Enti che hanno aderito al progetto, acquisiranno la qualifica di azionisti del PTA, e pertanto potranno interagire e godere dei vantaggi e delle opportunità strategiche e finanziarie previste per i Poli di Innovazione e Distretti Tecnologici”.
Anche Gaetano Cola, Commissario della Camera di Commercio di Napoli, esprime la sua piena soddisfazione per l’attuale risultato dell’iniziativa: “La soddisfazione è correlata alla dimostrazione che anche nei nostri territori, le iniziative valide, seppure promosse in momenti di grande difficoltà economica, possono avere successo anche in ambito nazionale, successo sottolineato dal fatto che l’iniziativa del PTA attualmente nasce puntando esclusivamente sulle risorse dei privati. Fondamentale per il successo dell’iniziativa è stato il fattivo contributo di tutte le associazioni imprenditoriali, del mondo della ricerca regionale rappresentato da AMRA e del team di professionisti che ha guidato in modo ineccepibile l’intero iter amministrativo.
Mi auguro che le Istituzioni potranno agevolare il percorso futuro del PTA nell’ottenimento del giusto riconoscimento di Polo di Innovazione e riferimento tecnico-scientifico nel settore ambientale”.

 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©