Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

AL VIA IL PROGETTO “UNA CULLA PER I PIÙ PICCOLI”


AL VIA IL PROGETTO “UNA CULLA PER I PIÙ PICCOLI”
24/11/2008, 16:11

Grazie alla donazione effettuata dal Pio Monte della Misericordia, istituzione napoletana che da quattro secoli si dedica ad attività benefiche e di assistenza, il reparto di Neonatologia dell’Ospedale Santobono di Napoli dispone di tre nuove incubatrici.   

E’ la prima, importante donazione a favore del progetto “Una culla per i più piccoli”, promosso e curato dall’associazione onlus Sostenitori Ospedale Santobono con il supporto di Lab, che cura le attività di fund raising e marketing per la onlus.  
Il progetto sarà presentato in conferenza stampa domani 25 novembre, alle ore 11.00, presso il polo didattico dell’Ospedale Santobono (padiglione Ravaschieri, V piano – via Mario Fiore).
Interverranno il direttore generale dell’Azienda sanitaria Santobono-Pausilipon Nicola Mininni,il presidente di Sostenitori Ospedale Santobono Antonino Tramontano, il primario del reparto di Neonatologia del Santobono Lucio Giordano,il presidente del Pio Monte della Misericordia Francesco Brancia di Apicena e il direttore di Lab Francesco De Carolis.    
 
Ogni anno sono circa cinquecento i neonati che si “contendono” le poche incubatrici del reparto di Neonatologia del Santobono. Obiettivo del progetto “Una culla per i più piccoli” è raccogliere fondi per acquistare almeno tredici culle termiche.
L’incubatrice è uno strumento indispensabile per i bimbi nati sottopeso o prematuri e per quelli che subiscono un intervento entro il primo mese di vita. Completamente chiusa e sterile e con una temperatura interna superiore ai 30 gradi, l’incubatrice consente all’organismo del neonato di completare il proprio sviluppo ed abituarsi con gradualità alle condizioni esterne. Al tempo stesso, tiene sotto controllo l’attività del cuore e, soprattutto, il livello della temperatura corporea del piccolo, evitando che si disidrati.
 
Sostenitori Ospedale Santobono è stata accreditata come canale ufficiale per la raccolta di fondi a favore del polo pediatrico napoletano. Nata nel 2005 per iniziativa di alcuni medici del Santobono, l’associazione ha come obiettivo il miglioramento sia dell’ospitalità dei piccoli degenti e dei loro familiari sia della qualità delle prestazioni sanitarie grazie all’acquisto di strumenti ed apparecchiature all’avanguardia.
Ad oggi la onlus ha raccolto fondi per oltre 200mila euro, grazie ai quali sono stati realizzati numerosi progetti tra cui “Ridi che ti passa”, interamente finanziato dal Gruppo Tufano, “Le nuove camerette per il Santobono”, che ha visto tra i principali sostenitori la Fondazione Cannavaro-Ferrara e Mirandautomotive, e “Neuronavigazione Elettromagnetica”, finanziato, tra gli altri, dal Pio Monte della Misericordia.
 
Non solo fondazioni ed aziende ma tutti possono sostenere i progetti di Sostenitori Ospedale Santobono. E’ sufficiente un bonifico bancario (senza spese) a favore di “Sostenitori Ospedale Santobono Associazione Onlus” (Codice Grande Benefattore: 9414) sul conto corrente presso il San Paolo San Paolo Banco di Napoli (Iban: IT18L0101003400100000011633).
E’ possibile anche effettuare un versamento sul conto corrente postale n. 70988233 (causale: erogazione liberale) intestato a “Sostenitori Ospedale Santobono Associazione Onlus” oppure utilizzare la carta di credito collegandosi al sito
www.santobono.it.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©