Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Piergiorgio Benvenuti: "I finti danneggiano l'ambiente"

Alberi di Natale, gli esperti consigliano gli abeti veri


Alberi di Natale, gli esperti consigliano gli abeti veri
30/11/2010, 12:11

Già in molti hanno iniziato i primi acquisti per Natale e la scelta tra abete vero oppure uno sintetico si ripropone anche quest'anno. La Cia - Confederazione Italiana Agricoltori ricorda che pini e abeti veri saranno molti di più di quelli artificiali e cioè 5 milioni circa.
Gli alberi veri, che rappresentano una scelta ecologica, per il 60% sono di produzione nazionale, mentre il resto proviene dai Paesi del Nord Europa. Quelli cosiddetti veri inoltre, secondo la Cia, non danneggiano l'ambiente perchè crescono per l'85% nei vivai, mentre l'altro 15% (cimali e punte di abete) dalla normale pratica forestale.
Per tutelare l'assetto idrogeologico, gli abeti sono coltivati in terreni difficili e collinari per evitare che si verifichino frane. Nella maggior parte dei casi gli alberi di Natale sono coltivati in Veneto, Friuli e Toscana (province di Arezzo e Pistoia). L'invito della Cia è quindi di acquistare gli abeti "naturali" da venditori autorizzati, perchè finite le feste possono essere rimpiantati in parchi e giardini. Piergiorgio Benvenuti, responsabile delle relazioni istituzionali e coordinatore per il Lazio del movimento ecologista europeo Fare Ambiente spiega: " Per quest'anno abbiamo promosso un'importante iniziativa in sinergia con i Social Network ambientale ecoitaliasolidale.bloog.it. Veranno messi a disposizione dei centri di raccolta a Roma e nella Regione Lazio dove sarà possibile portare gli alberi di Natale". Benvenuti inoltre consiglia di evitare di acquistare abeti sintetici da venditori abusivi che nella maggior parte dei casi sono di importazione clandestina e dannosi per la salute. "Sono alberi finti di plastica che non solo consumano petrolio e liberano gas ad effetto serra per la loro realizzazione ed il successivo trasporto, ma impiegano oltre 200 anni prima di degradarsi nell'ambiente", ha detto.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©