Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Per il medico non si affronta il problema

Alessandro Gennai «Non criminalizziamo la chirurgia estetica»


Alessandro Gennai «Non criminalizziamo la chirurgia estetica»
05/02/2009, 16:02

«Non criminalizziamo gli interventi al seno. È necessario invece spingere verso un'attentissima valutazione prima di intraprendere un qualsiasi intervento di chirurgia estetica su un'adolescente». Alessandro Gennai, chirurgo plastico bolognese che vanta un'esperienza internazionale nel campo della chirurgia estetica e ricostruttiva, guarda con diffidenza al divieto di interventi al seno per le minorenni che il sottosegretario alla Salute Francesca Martini ha annunciato. «Premettendo che sarebbe sempre meglio evitare gli interventi di chirurgia estetica su minorenni, ritengo che l'opportunità o meno di eseguire debba essere il frutto di una seria e attenta valutazione fatta di concerto tra un serio professionista, la paziente ed i genitori, con eventualmente il coinvolgimento di uno psicologo».
La proposta del sottosegretario rischia di sollevare «un polverone per nulla», continua Gennai. «Casi e richieste di mastoplastica additiva sotto i 18 anni sono una percentuale irrisoria: nella mia esperienza professionale una sola volta mi sono imbattuto nella richiesta di una ragazza minorenne di aumentare il seno. Ho consigliato di aspettare. Così non ho mai eseguito interventi di mastoplastica additiva a pazienti minorenni». Per il chirurgo bolognese resta valido il principio che «un serio professionista debba sconsigliare qualsiasi intervento di importante modifica corporea in pazienti adolescenti che sono ancora in preda alle "tempeste emozionali" tipiche della loro età».
Un divieto non affronterebbe il problema. «È stato accertato che le protesi mammarie non sono dannose alla salute; non vedo quindi il motivo di proibire per legge la mastoplastica additiva sotto i 18 anni e non la rinoplastica, la liposuzione o l'intervento per orecchie a sventola. La questione deve essere affrontata da un punto di vista differente cercando il confronto serio tra chirurgo, paziente e genitori. Non sviliamo la chirurgia ad una mera questione di moda».

Alessandro Gennai - Profilo professionale Laureato con lode nel 1988 in Medicina e Chirurgia all'Università degli studi di Modena, Alessandro Gennai ha frequentato la Scuola Internazionale di Medicina Estetica alla Fondazione Fatebenefratelli di Roma e la specializzazione in Chirurgia Generale al Policlinico Universitario di Modena, per poi proseguire gli studi all'estero (Los Angeles, Chicago, Spagna, Brasile e Argentina). In particolare è stato negli Stati Uniti, dove ha appreso, primo fra gli italiani, la tecnica del lifting endoscopico dal suo "padre fondatore", Nicanor Isse. Gennai è socio della Eafps, European Academy of Facial Plastic Surgery. Lo studio si trova in via delle Lame a Bologna (www.gennaichirurgia.it).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©