Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Alfa Romeo Giulietta e MiTo Model Year2014: la passione si rinnova


Alfa Romeo Giulietta e MiTo Model Year2014: la passione si rinnova
24/10/2013, 13:33

Le nuove Giulietta Model Year 2014 e MiTo MY 2014 interpretano nei rispettivi segmenti i valori autentici del brand: stile italiano, prestazioni ed eccellenza tecnica finalizzata al massimo del piacere di guida in piena sicurezza. Da sempre, infatti, le Alfa Romeo sono dedicate a coloro che da una vettura si aspettano una risposta che supera il concetto di 'utile mezzo di trasporto' per sconfinare in quello delle più autentiche 'emozioni'.

In Alfa Romeo tutto questo è racchiuso in una sola parola: Passione. È questa la forza creatrice che da oltre un secolo guida ogni giorno il lavoro di designer, progettisti e ingegneri, la stessa passione che anima i numerosi fan sparsi nel mondo, dal Sud Africa al Giappone, dallo Sri Lanka all'Argentina: sono oltre 350 club Alfa Romeo e più di 1 milione i fan registrati sulle pagine ufficiali di Alfa Romeo su Facebook. Non solo. Se si cerca su Google il termine 'Alfa Romeo' si ottengono oltre 64 milioni di immagini.

Numeri che confermano una passione autentica e condivisa che nasce da uno straordinario patrimonio tecnologico e umano, un patrimonio che ha contribuito a scrivere alcune delle pagine più importanti della storia dell'automobile e che viene reinterpretato ogni volta che viene progettato un nuovo modello. Non fanno certo eccezione le nuove Giulietta Model Year 2014 e MiTo Model Year 2014, due vetture che hanno segnato i rispettivi segmenti con la loro perfetta alchimia di stile essenziale, motori compatti e potenti, giusto rapporto peso/potenza e contenuti tecnici "made in Alfa Romeo" votati al piacere di guida.

In particolare, il modello Giulietta ha permesso ad Alfa Romeo di presidiare un segmento importante in Europa dimostrando a tutti che 'potente' può essere anche 'efficiente', che 'elegante' può essere 'comodo' e che 'compatto' può essere anche 'divertente'. Per questo motivo Giulietta si è aggiudicata ben 22 premi e ha totalizzato 224.000 vendite dal lancio - a metà 2010 - a oggi. Inoltre, per tutto il 2012 il modello è stato nella 'top ten' delle vetture più vendute in Italia.

Anche il modello MiTo è stato accolto con entusiasmo dal pubblico, soprattutto da una nuova generazione di Alfisti, una clientela giovane che ha così potuto coronare un sogno: acquistare un'auto sportiva, sicura e distintiva per stile e contenuti tecnici, offerta ad un prezzo accessibile. Allo stesso tempo, l'attenzione ai consumi e alle emissioni, le doti dinamiche e le dimensioni contenute hanno reso il modello MiTo una proposta attraente anche per un pubblico più adulto, in uno scenario automobilistico che sembra premiare la tendenza al downsizing.

La rivisitazione dei modelli Giulietta e MiTo confermano la 'passione Alfa Romeo' che Orazio Satta Puliga(1910-1974), uno dei grandi progettisti del marchio, spiego così: «L'Alfa Romeo non è una semplice fabbrica di automobili: le sue auto sono qualche cosa di più che automobili costruite in maniera convenzionale. È una specie di malattia, l'entusiasmo per un mezzo di trasporto. È un modo di vivere, un modo tutto particolare di concepire un veicolo a motore. Qualcosa che resiste alle definizioni. I suoi elementi sono come quei tratti irrazionali dello spirito umano che non possono essere spiegati con una terminologia logica». 

 

Alfa Romeo Giulietta Model Year 2014

Per continuare a giocare un ruolo da protagonista nel suo segmento, la nuova Alfa Romeo Giulietta Model Year 2014 propone importanti novità, a iniziare dal nuovo 2.0 JTDM 2 da 150 CV con sistema di iniezione Multijet di seconda generazione. Inoltre, il motore è dotato di un turbocompressore con inerzia ridotta, la cui efficienza e prontezza di risposta gli permettono di esprimere già ai bassi regimi la coppia più elevata della categoria: 380 Nm a 1750 giri/min. Così equipaggiata la nuova vettura registra prestazioni eccellenti: velocità massima di 210 km/h e accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,8 secondi. Il tutto a fronte di consumi ed emissioni molto contenuti: sul ciclo combinato di omologazione si registrano rispettivamente solo 4,2 litri di carburante ogni 100 km e appena 110 g/km di CO2.

Anche lo stile è stato rinnovato con un'inedita calandra anteriore, nuova cornice cromata dei fendinebbia e diversi cerchi da 16'', 17'' e 18''. Più ricca la gamma colori, grazie a tre nuove tinte di carrozzeria: Perla Moonlight, Blu Anodizzato e Bronzo. Novità anche all'interno, dove spiccano il nuovo volante, i nuovi rivestimenti dei sedili e i nuovi trattamenti per plancia, pannelli porte e maniglie. Inoltre, la Giulietta Model Year 2014 offre più contenuti tecnologici come dimostra il nuovo dispositivo multimediale Uconnect con touch-screen da 5" o 6,5integrato in plancia. Entrambe le versioni prevedono l'interfaccia Bluethooth, connettore Aux-in, porta USB e comandi vocali. In più, il dispositivo da 6,5 pollici è dotato anche di navigazione satellitare con mappe dall'alto in 3D, indicazioni progressive sul percorso e funzione 'One Step Voice entry Destination' per inserire l'indirizzo con i comandi vocali.
Entrambi i sistemi sono stati sviluppati in collaborazione con partner di eccellenza quali Harman e Here Auto per UConnect da 6,5" e Continental per UConnect 5".

Oggi, a seconda dei Paesi di commercializzazione, la gamma della nuova Giulietta Model Year 2014 si compone di 5 allestimenti - Impression, Progression, Distinctive, Exclusive e Quadrifoglio Verde - e 7 motori: i benzina 1.4 TB 105CV, 1.4 TB 120CV ,1750 TBi da 235 CV e 1.4 TB 170CV (anche con cambio automatico Alfa TCT) e i turbodiesel 1.6 JTDM 105CV, 2.0 JTDM 170CV e il nuovo 2.0 JTDM 2 150CV. Completa l'offerta il 1.4 TB 120CV a doppia alimentazione (GPL e benzina) , un entusiasmante concentrato di potenza e tecnologia che unisce performance di alto livello con il rispetto dell'ambiente e costi di gestione ridotti.

Alfa Romeo MiTo Model Year 2014

MiTo MY 2014 rinnova la propria immagine di vettura tecnologica, mantenendo il suo posizionamento di compatta sportiva capace di conquistare clienti attenti allo stile italiano e all'eccellenza tecnica finalizzata al piacere di guida in totale sicurezza. All'esterno sono nuovi la calandra cromata, la tinta Grigio Antracite e la finitura brunita dei gruppi ottici anteriori. Inoltre, per un ambiente ancora più ricercato, debuttano 4 sellerie e 3 inedite plance con lavorazioni specifiche a seconda degli allestimenti.

Novità anche nelle motorizzazioni con il nuovo 0.9 Turbo TwinAir 105 CV che spicca per il temperamento brillante - potenza di 105 CV (72 kW) a 5.500 giri/min e coppia massima di 145 Nm a 2.000 giri/min - e i bassi consumi ed emissioni di CO2. Il tutto senza rinunciare alle prestazioni: 184 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 11, 4 secondi. Senza contare una potenza specifica di quasi 120 CV/litro, un valore a livello dei propulsori più sportivi.

Inoltre, sulla MiTo MY 2014 debutta il sistema Uconnect con touchscreen a colori da 5" realizzato da Continental e disponibile anche con sistema di navigazione sviluppato on Tom Tom. Basta quindi un tocco sullo schermo per scaricare e ascoltare la musica giusta e viaggiare a tempo di rock. Non a caso, dal 2008 il modello è protagonista della comunicazione Alfa Romeo in occasione di concerti, eventi, DJ set, mostre e session di alto livello sponsorizzati dal marchio.

Oggi la gamma 2014, a seconda dei Paesi di commercializzazione, si compone di 5 allestimenti - Impression, Progression, Distinctive, Superbike e Quadrifoglio Verde - 10 colori di carrozzeria e 10 diversi disegni di cerchi in lega. A seconda delle versioni, il cliente può scegliere tra un'ampia gamma di propulsori, tutti efficienti, affidabili e rispettosi dell'ambiente: 1.4 da 70 CV, 1.4 da 78 CV, 1.4 MultiAir Turbobenzina da 135 CV (con cambio manuale o automatico "Alfa TCT") e 1.4 MultiAir Turbobenzina da 170 CV, 0.9 Turbo TwinAir da 105 CV, 1.3 JTDM da 85 CV, 1.6 JTDM da 120 CV e 1.4 GPL Turbo 120 CV.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©