Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Ambiente, 138 specie italiane a rischio


Ambiente, 138 specie italiane a rischio
21/05/2009, 16:05

L'Italia è tra i Paesi più ricchi di biodiversità in Europa, con circa 57.000 specie animali (1/3 di quelle europee) e 5.600 specie floristiche (il 50% di quelle europee), dei quali il 13,5% sono specie endemiche. Ma 138 specie sono minacciate, il cui 8% appartiene al regno delle piante e il 92% a quello degli animali. Questo il contenuto del dossier Biodiversità a rischio di Legambiente e Bioversity international presentato in occasione della giornata mondiale delle Biodiversità che si celebrerà domani. In Italia (alla fine dell'Ottocento la varietà di frutta arrivava a 8.000 diversi tipi, oggi a poco meno di 2.000) sono a rischio arance, limoni, mele, pere, ciliegie, mandorle, varietà di angurie e melone già quasi non ci sono più, la tartaruga comune (caretta caretta), la foca monaca, il muflone, lo storione, la cernia. La Ue, dichiara Antonio Nicoletti, responsabile aree protette di Legambiente, ha annunciato che per "il 2009-2013 i governi dovranno concentrarsi sul tema dei cambiamenti climatici e del loro impatto sulla biodiversità". E poi, l'impegno per il Countdown 2010 (un'alleanza di governi, Ong e settore privato) con l'obiettivo di intraprendere le azioni per fermare la perdita di biodiversità entro il 2010. L'ultima Red list della Iucn (International union for conservation of nature) parla di un aumento della minaccia d' estinzione: contiene 44.838 specie di cui 16.928 a rischio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©